Racconti del Solstizio a Napoli

Vi raccontiamo i Racconti del Solstizio

Sabato 21 dicembre, dalle 18 alle 21, le scale tra via Morghen e via Scarlatti diventano teatro naturale per accogliere i Racconti del Solstizio che la compagnia Teatro Dissolto mette in scena accompagnandosi alla musica africana di Ibrahim Drabo.

Come si fa nascere un sole dal buio? Nel giorno più scuro dell’anno, il 21 dicembre, si può chiamare la gente intorno a un fuoco, scacciare l’ombra con l’arte della parola e la forza del corpo, stendere un filo tra esplosioni di fiabe e inquietudini del contemporaneo e cantare una ninna nanna alle tenebre per dissolverle. Ecco Racconti del Solstizio.

Da questa ingenua magia, con un intervento di musica africana del maestro Ibrahim Drabo, nasce “Racconti del Solstizio”, gioco teatrale per bambini e adulti durante il quale gli attori – Clara e Anna Bocchino, Rebecca Furfaro, Raimonda Maraviglia, Daniele Sannino, Marco Aspride, Teresa Raiano, Luca Serafino e Giulia De Pascale – accompagnano il pubblico, che vive quotidianemente la città e i suoi luoghi, in un mondo onirico, dove tentare un modo altro di sentirsi insieme e di ricostruire gli immaginari: un gioioso rito dell’ascolto e della rinascita, da sempre una delle ricerche più sentite dal progetto di arte pubblica: Luminaria.

Autore: Redazione

Redazione Giornalistica

Potrebbe interessarti

Matrimonio in Autunno. Foto dal Web

Matrimonio in autunno: consigli sull’outfit per le invitate

Nelle stagioni fredde, essere invitata a un matrimonio pone dinanzi a grandi dilemmi sull'abbigliamento. Ecco la nostra guida!

Partner. Foto dal Web

Come non impazzire per la presenza costante del partner?

Gli attuali cambiamenti della società, consentiti dalla digitalizzazione hanno cambiato i rapporti tra partner. Come gestirli in casa?

La realtà virtuale (VR) al Carcere di Procida per OndeVisioni

OndeVisioni: quando il carcere diventa cinema

Entrare nella cella di un vecchio carcere, a picco sul mare, e immergersi nella vita dei detenuti ad OndeVisioni con la realtà virtuale.

Lascia un commento