Ezio Bosso. Illustrazione di Aurora Cantone
Ezio Bosso. Illustrazione di Aurora Cantone

Ezio Bosso. Le cose che restano: alla Mostra del Cinema di Venezia

Ezio Bosso. Le cose che restano” è il documentario presentato, fuori concorso, alla 78esima Mostra del Cinema a Venezia.

Un omaggio doveroso che uscirà i prossimi 4, 5 e 6 ottobre nelle sale cinematografiche firmato Giorgio Verdelli.

Ezio Bosso. Illustrazione di Aurora Cantone
Ezio Bosso. Illustrazione di Aurora Cantone

Un percorso che va a toccare le tappe più emozionanti della vita del grande artista, la cui voce reale fa da sottofondo all’incantevole viaggio in cui viene guidato lo spettatore.

“Ezio Bosso. Le cose che restano” racchiude, in più poco più di un’ora, le testimonianze di tutti coloro che hanno avuto la fortuna ed il privilegio di conoscerlo, oltre alle tante interviste, sinfonie, concerti, composizioni e meravigliose melodie il cui ascolto trasporta in atmosfere oniriche.

Il documentario vuol essere non solo un sentito tributo alla grande volontà e all’immenso talento del Maestro Bosso scomparso nel mese di maggio del 2020 per colpa della malattia neurodegenerativa che lo aveva colpito nel 2011, ma altresì vuol essere un augurio virtuale in occasione del suo compleanno che cade il prossimo 13 settembre, quando avrebbe spento le sue importanti 50 candeline.

Autore: Silvana De Dominicis

Vice direttore di La Gazzetta dello Spettacolo, amante degli animali, la natura e la cucina veg. Umiltà e sensibilità sono nel contempo i miei pregi e difetti.

Potrebbe interessarti

Il primo ciak del cortometraggio The Lottery

The Lottery: primo ciak a Roma

Primo ciak nella città di Roma per il film The Lottery, diretto da Giuseppe De Lauri e basato sul racconto di Shirley Jackson.

Karate man

Karate Man: il film sulla vita di Del Falco

Arriva in prima visione su Amazon Prime Video il film Karate Man, diretto da Claudio Fragasso, sulla vita di Claudio Del Falco.

Una scena di Dirty Dancing

Dirty Dancing, nel 2024 un altro sequel?

Il film Dirty Dancing è una pietra miliare del cinema, e si parla di un sequel di cui parliamo con il coreografo Robert Fletcher.

Lascia un commento