Shakespeare Bloody Company

Shakespeare Bloody Company, il thriller made in Italy

Con l’esperienza dell’Associazione Road 16, nata nel 2011, che ha l’intento di diffondere la cultura cinematografica, è sul set Shakespeare Bloody Company.

Il team fondato e guidato da Francesco Colucci, vede come protagonista una giovane donna, Viola, che decide di vendicare la morte del padre, regista e attore teatrale di opere shakespeariane, avvenuta per mano di alcuni individui guidati dalla potente despota Lucrezia Talbot.

Viola riesce a ricomporre parte della vecchia compagnia del padre: la matura Cassandra, mente della Compagnia, l’anziano Maximus, il “comico” Fabian, il taciturno e sfregiato Dimitri e la “ribelle” Epiphany.

Con loro inizierà a punire i suoi nemici, “inscenando”, per ognuno di essi, le uccisioni di alcune famose tragedie di Shakespeare. Nel cast: Maria Pacente, Maria Guerriero, Nico Rotondi, Giuseppe Giuliani, Giovanni De Filippis e Claudia Cavalli.

A breve novità significative sul film che appassionerà tutti gli amanti dei thriller made in Italy.

Galleria fotografica gentilmente fornita per la pubblicazione dalla produzione del film.

Autore: Francesco Russo

Giornalista ed Imprenditore Digitale. CEO dell'agenzia di Digital Marketing FREVARCOM. Direttore responsabile ed editoriale del quotidiano La Gazzetta dello Spettacolo e coordinatore Editoriale di Oggi Quotidiano. Fondatore di magazine come Mangiamm, Vivo di Lusso, I Like Night e Prenotami.

Potrebbe interessarti

Il primo ciak del cortometraggio The Lottery

The Lottery: primo ciak a Roma

Primo ciak nella città di Roma per il film The Lottery, diretto da Giuseppe De Lauri e basato sul racconto di Shirley Jackson.

Karate man

Karate Man: il film sulla vita di Del Falco

Arriva in prima visione su Amazon Prime Video il film Karate Man, diretto da Claudio Fragasso, sulla vita di Claudio Del Falco.

Una scena di Dirty Dancing

Dirty Dancing, nel 2024 un altro sequel?

Il film Dirty Dancing è una pietra miliare del cinema, e si parla di un sequel di cui parliamo con il coreografo Robert Fletcher.

Lascia un commento