Hamlet travestie, quando Shakespeare parla napoletano

Un pomeriggio di maggio, un teatro di città ed una compagnia di attori come i Ladri di copioni: pronti per immergersi in Hamlet travestie.

Una storia di forte impatto sociale che sfocia nel tragicomico, quella di un giovane napoletano, figlio di ambulanti e convinto di essere il vero Amleto, principe di Danimarca.

Hamlet travestie, la recensione de La Gazzetta dello Spettacolo
Hamlet travestie, la recensione de La Gazzetta dello Spettacolo

Una “farsa napoletana” che mescola il dramma shakespeariano e la parodia settecentesca dell’Amleto di John Poole, insieme al Faust di Antonio Petito, classico ottocentesco del teatro napoletano.

Hamlet travestie

La storia racconta di Amleto Barilotto, figlio di ambulanti sconvolto dalla morte del padre ed alla ricerca di una sua identità, destinata a “liberare” l’anima del padre.

Tra case popolari ed avvenimenti gomorriani, è qui che il tentativo grottesco di portare la cultura in una casa umile, fa nascere tante gag e situazioni per riflettere che terminano inevitabilmente in una tragedia. Ottime le performance artistiche degli attori protagonisti, a partire da Nicola Gallo, che interpreta Amleto Barilotto; l’espressione più sincera della recitazione di Marika Costabile (ormai nota attrice riconosciuta per Tonno Spiaggiato e I Bastardi di Pizzofalcone), nel ruolo di Amalia Esposito Barilotto; Flavio Speranza, lo zio Salvatore; Teresa Manna nei panni di Ornella figlia di Don Liborio; Gerardo Di Lecce, nei panni del simpatico e sbadato Ciro figlio di Don Liborio; Mario Bracigliano che interpreta Don Liborio e tutto il resto del cast collaterale.

Un’ora e dieci di risate simpatiche, miste a spunti sociali di riflessione, che mettono in mostra quello che è il quadro della sopravvivenza quotidiana in una casa popolare shakespeariana dei giorni nostri.

Potrebbe interessarti

Marika Costabile. Foto di Pasquale Barra

Marika Costabile in scena con Hamlet Travestie

La bella Chanel (al secolo Marika Costabile) de I Bastardi di Pizzofalcone, sbarca al teatro …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.