Clara Alonso

Clara Alonso, il mio cuore verso l’Italia

A tu per tu con Clara Alonso

Clara Alonso è dal 20 Ottobre al Cinema con il film Piuma di Roan Johnson. Film che è stato presentato all’ultimo Festival di Venezia.

Clara Alonso

L’attrice argentina torna così in Italia, nel ruolo della bella Pilar che farà girare la testa al giovane protagonista. Il cuore di Clara è ormai italiano, perchè il coraggio e il sogno di voler fare con passione e amore il mestiere d’attrice, l’ha portata qui da noi e l’ha fatta amare dal grande pubblico italiano. Prima ha appassionato le più giovani nella serie TV Violetta, poi successivamente le adolescenti nel ruolo di Valeria nella web-serie Lontana da me. Ora, una piccola e nuova avventura al cinema, per un’attrice semplice, spontanea e coraggiosa.

La Gazzetta dello Spettacolo l’ha incontrata per una chiacchierata, dove Clara Alonso apre tutte le stanze del suo cuore, raccontando sogni, progetti, speranze, e se stessa semplicemente…

Benvenuta su La Gazzetta dello Spettacolo, Clara Alonso. Sei al cinema con il film Piuma. Parlaci del tuo personaggio…

Il mio personaggio, Pilar, é una ragazza che dopo aver viaggiato in tutto il mondo arriva in Italia. Qui conosce Ferro, interpretato da Luigi Fedele e protagonista del film, ad una festa e “ci prova” con lui scatenando una serie di eventi che lo metteranno nei guai. Da qui inizia per Ferro un periodo pieno di problemi.

Che esperienza é stata per te?

É stata una esperienza molto speciale per me. Lavorare in un paese cosí lontano da casa per fare un film, é stato un privilegio. Sognavo tanto di avere una parte in un film perciò anche se il ruolo era piccolo la gioia é stata grandissima. L’anno scorso sono andata al Festival di Venezia a vedere “El Clan” un film argentino in concorso, e mi sono immaginata a presentare un mio film. Non avrei mai immaginato che soltanto un anno dopo sarei stata in concorso con il film Piuma.

Clara Alonso

Un aggettivo per descrivere Piuma e un motivo per andarlo a vedere.

Il film “Piuma” sembra leggero però é molto profondo. Parla della famiglia, delle paure, della vita. Penso che dovreste andare a vederlo perché Roan Johnson ha fatto un lavoro molto accurato come regista, ed ha fatto un lavoro insieme agli attori molto importante per trasformare il film in una storia molto speciale. I personaggi sono deliziosi e sono interpretati da attori magnifici.

Ormai l’Italia ti ha accolta con entusiasmo e amore. Che emozioni stai provando?

Ricordo quando sono venuta per la prima volta in Italia. Non avrei mai immaginato che sarebbe diventata la mia seconda casa. Mi ha accolta con tanto amore a affetto che quando non sono qui mi manca. Camminare per le città mi emoziona moltissimo perché i monumenti ed i palazzi sono incredibili, tutto é talmente ricco di storia da rendere l’Italia un posto unico al mondo.

Amatissimo é stato il progetto della web-serie Lontana da me , dove hai recitato accanto a Mirko Trovato. La domanda che ci facciamo tutti è: avrà un seguito?

L’ esperienza di “Lontana da me” è stata molto importante per me perché é stata la prima volta che ho recitato in italiano in una serie. Ho imparato molto, ed é stata una sfida. Il primo giorno mi chiedevo perché mai avessi voluto recitare in italiano, e credevo che noi sarei riuscita a farlo. Alla fine ho constatato con gioia di essere riuscita a farlo e di essermi goduta ogni scena.
Mi piacerebbe tanto che ci fosse una seconda stagione, e anche i fan che mi scrivono sui social lo vorrebbero.

Ma parliamo di te, in questo momento della tua carriera, c’è un ruolo che vorresti ottenere?

In questo momento della mia vita mi piacerebbe proseguire con il mio percorso di recitazione. É quello che mi riempie il cuore e mi emoziona di più. Mi piacerebbe continuare a fare cinema, con dei ruoli più intensi, forti, diversi da me, e raccontare storie che mi emozionano. Ogni volta che vedo un film, o una serie TV sul computer (perché non guardo la TV) mi viene tanta voglia di recitare in quella tipologia di film. Mi piacciono attrici come Carey Mulligan, Alicia Vikander, Marion Cotillard, Kate Winslet.

Non c’è un unico ruolo che vorrei interpretare, ce ne sono tanti!

Clara Alonso chi é quando non recita? Descriviti…

Sono una persona molto indipendente ed avventurosa. Nella mia vita ci sono grandi contraddizioni perché sebbene mi consideri una persona molto timorosa, faccio delle cose che dimostrano il contrario. Mi sono trasferita dall’Argentina a Madrid e sono anche venuta in Italia per imparare l’italiano perché voglio lavorare qui, per esempio. Sono molto razionale e a volte troppo, sono sempre proiettata al futuro, il che non è sempre un bene. Se ho un obbiettivo faccio il possibile per raggiungerlo con impegno e dedizione. Amo il mio lavoro, e recitare é la mia grande passione, per questo quando le cose non vanno come vorrei o se non riesco ad ottenere un ruolo che desidero tanto mi rattristo.

Progetti futuri di cui puoi e vuoi anticiparci qualcosa… magari qualcosa in Italia?

Il mio prossimo progetto è per la TV italiana, però ancora non vi posso dire di cosa si tratta! É una sfida molto divertente per me. Sono venuta per questo programma un mese fa, e resterò in Italia fino alla fine di Dicembre.

Sarà una buona opportunità per farmi conoscere da un’altra fetta di pubblico.

E sogni nel cassetto?

Tanti. Fare del cinema, che è la mia passione, la mia vita. Partecipare a progetti come quelli che amo guardare e che mi riempiono il cuore. Continuare a viaggiare e conoscere posti diversi e tornare in quelli che mi piacciono tanto. Viaggiare e lavorare come attrice in varie parti del mondo.

Autore: Redazione

Redazione Giornalistica

Potrebbe interessarti

Paola Barale. Foto di Piergiorgio Pirrone - LaPresse (27-07-2022 Milano)

Paola Barale: Ballando con le Stelle, un regalo che la vita mi ha concesso

Paola Barale, attualmente, è alle prese con Ballando con le Stelle su Rai 1 e ci racconta del suo percorso e di cosa sta vivendo.

Roberto Chevalier

Roberto Chevalier: un mestiere da uno nessuno e centomila

Abilissimo nel suo mestiere, sin da bambino, ritroviamo Roberto Chevalier, attore e noto doppiatore di Tom Cruise e Tom Hanks.

Francesco Fiumarella

Francesco Fiumarella racconta il Premio Crocitti

Incontriamo Francesco Fiumarella, autore e direttore del "Premio Vincenzo Crocitti International", che ci parla di meritocrazia.

Lascia un commento