Janet De Nardis ci racconta il Digital Media Fest

A tu per tu con Janet De Nardis, tra le protagoniste il 19 Ottobre presso lo spazio di Roma Lazio Film Commission, dove si presenterà la prima edizione del Digital Media Fest.

Janet De Nardis. Foto di Dario Derosa

Interverranno alla presentazione la stessa Janet, Cristina Priarone, gli Actual, Giampaolo Colletti, Marcello Foti, Neva Leoni, Michela Giraud, Giulio Mantella e Alessandro Guida.

Bentornata su La Gazzetta dello Spettacolo a Janet De Nardis. Sei inarrestabile sulle iniziative e quest’anno arriva questa novità del Digital Media Fest, vuoi parlarcene?

Il Digital Media Fest è un evento che racchiude tutte le mie precedenti esperienze. Una vetrina per scoprire cosa accade nell’audiovisivo e nel digitale. Il luogo dove vengono intercettati i veri talenti e il punto di incontro tra creativi e produttori, tra giovani filmaker e broadcaster, tra videomaker e brand.

Con un occhio importante ai giovani perchè sei mamma e credi nel futuro, quali ambizioni vedi nei giovani che si affacciano al mondo del Web per l’audiovisivo?

Janet De Nardis mamma della piccola Joy in auto con un prodotto di Nuna Italia, linea per la quale hanno posato come testimonial. Foto di Dario Derosa

L’ambizione è sempre quella di arrivare al grande cinema e di trovare un canale espressivo senza troppi paletti per trasformare una passione in un mestiere retribuito.

Qual è la sfida più difficile per creare una sana tensione creativa in un festival?

Quella di selezionare opere davvero valide e quindi di creare un luogo “unico” di dialogo. Per attrarre produttori e brand è necessario offrire prodotti davvero innovativi, e per trovare creativi sconosciuti è necessario immergersi nel mondo indipendente e dei più giovani per indagare i talenti che possono strutturarsi all’interno di un vero e proprio mercato.

Cosa pensi della scena audiovisiva italiana del web di oggi?

Credo che finalmente TV e produzioni, ma anche le stesse istituzioni si siano rese conto che era necessario fare un balzo in avanti nelle scelte di linguaggio, di sviluppo creativo e di possibilità offerte ai più giovani. Finalmente vedo opere nuove in cui si percepiscono le contaminazioni provenienti da realtà diverse, ma c’è ancora molto da fare.

Janet De Nardis con la piccola Joy con un prodotto di Nuna Italia, linea per la quale hanno posato come testimonial. Foto di Dario Derosa

Potrebbe interessarti

Punto di Rottura: il corto tra uomo, natura e tecnologia

Presentato ufficialmente durante la Festa del Cinema di Roma il cortometraggio Punto di Rottura, opera …

Digital Media Fest: gli orizzonti del mercato audiovisivo

E’ stata presentata 1a edizione del Digital Media Fest nello Spazio Roma Lazio Film Commission …

Digital Media Fest 2019, si parte

Tutto pronto per l’avvio del Digital Media Fest, che dopo l’esperienza del Roma Web Fest, …

Lascia un commento