Ilaria Satta - Ti Aspetto

Ilaria Satta, ti aspetto

Incontriamo l’autrice Ilaria Satta

Ti aspetto è l’attesissimo sequel del romanzo Aspettavo te. La Gazzetta dello Spettacolo ha incontrato la scrittrice Ilaria Satta per scoprire insieme ai suoi lettori tutti i segreti di un libro che fa sognare.

Ilaria Satta - Ti Aspetto

Benvenuta Ilaria. È uscito da poco il tuo nuovo romanzo. Me lo presenti?

Ciao e grazie per la disponibilità. TI ASPETTO è il sequel di Aspettavo te, e riprende la storia qualche settimana dopo la fine del primo romanzo. A differenza del primo non saranno solo Sarah e Akira i protagonisti, ma anche Linda e Raoul e… qualche nuovo arrivo. Non voglio svelare troppo, ma ne vedremo delle belle!

Ti aspetto è il seguito di Aspettavo te. Quanto ritroveremo cambiati i personaggi?

I personaggi saranno messi a nudo in tutte le loro fragilità, conosceremo meglio i loro difetti, le loro debolezze e i punti di forza. In particolare conosceremo meglio Linda, la sorella ribelle, che si rivelerà più fragile di quello che può apparire. L’amore, in fondo, rende tutti più vulnerabili.

Quale messaggio speri colgano i lettori da questo nuovo libro?

Spero innanzitutto che i lettori si divertano leggendolo, che possano passare qualche ora in assoluta spensieratezza. Un possibile messaggio potrebbe essere quello di prendere la vita con leggerezza e godere delle piccole cose. Spesso dimentichiamo di farlo.

Quanto di te c’è in questa storia?

Di me c’è tutto e niente al tempo stesso. I sentimenti, gli stati d’animo, senz’altro mi appartengono, ma sono molto distante dalle loro vite. Una cosa è certa, non potrei narrare i loro sentimenti se non li avessi vissuti io in prima persona, in vari stadi della mia vita.

Il primo libro è stato accolto con successo. Quale è stato il commento più bello ricevuto da una lettrice?

Ho ricevuto tantissimi messaggi per il primo romanzo, ma di sicuro quello che mi ha fatto più piacere è stato che i personaggi sono veri, reali, che alla fine del libro ci si affeziona e se ne sente la mancanza.

Ci sarà un seguito?

Sì, ci sarà.

La scrittura rappresenta per te…

La scrittura è il mio modo di comunicare, di buttare giù le mie sensazioni, di esprimere quello che ho dentro. A volte attraverso dei personaggi, altre scrivendo di me in maniera privata. Scrivere riesce a trasportarmi in un’altra dimensione.

Ma Ilaria Satta chi è? Come si descriverebbe?

Ilaria è una sognatrice. Una che ancora si commuove per poco, che è felice se le persone al suo fianco lo sono.

Progetti futuri?

Un periodo di studio e lavoro all’estero. Spero di riuscire in questa impresa.

Autore: Anna Chiara Delle Donne

Redattrice

Potrebbe interessarti

Grandi a confronto. Il filo invisibile delle idee, di Agostino Russo

Grandi a confronto, di Agostino Russo

Incontriamo oggi Agostino Russo, appassionato di filosofia che ci racconta il libro: "Grandi a confronto. Il filo invisibile delle idee".

Una famiglia allargata cane compreso, di Marianna Scagliola

Una famiglia allargata cane compreso, di Marianna Scagliola

Parliamo del primo romanzo intitolato: "Una famiglia allargata, cane compreso" della scrittrice Marianna Scagliola, edito da Graus.

Simona Bianchera con il suo Riflessioni per nascere

Riflessioni per rinascere, di Simona Bianchera

Ospite la scrittrice chiavarese Simona Bianchera, che ci presenta il suo ultimo libro, dal titolo: "Riflessioni per rinascere"

Lascia un commento