Simone Cristicchi: amarezza sulla chiusura dei teatri

Sulla scia del nuovo decreto che ha portato insoddisfazioni e tanto sconforto in molte categorie dei lavoratori, vogliamo essere solidali con gli operatori e gli artisti appartenenti al mondo dello spettacolo, (ma non solo a loro) condividendo le parole del bravissimo cantautore Simone Cristicchi che sulle pagine social ha reso noto il suo pensiero in forma poetica come solo lui sa fare:

Simone Cristicchi in una sala vuota
Simone Cristicchi in una sala vuota in segno di riflessione

“Ciao Teatro.
E così si torna a casa.
Per l’ennesima volta.
Repliche annullate, alcune rimandate, quelle programmate ma chissà se confermate.
Tanti dubbi, quanta approssimazione, senso di offesa, amarezza.
Giudicati alla stregua di fast food.
I teatri, luoghi sacri, uniche isole rimaste dove bere acqua di sorgente.
Siamo maghi, saltimbanchi, donne scimmia, forzuti e fragili, spesso invisibili: siamo uomini e donne del fantastico mondo dello spettacolo. Quelli che vi fanno ridere, piangere, sopravvivere al Nulla che avanza.
Non siamo indispensabili? Semplicemente SIAMO, e per questo, anche NOI, sacri.

Noi de La Gazzetta dello Spettacolo e la proprietà FREVARCOM nella persona di Francesco Russo, sposiamo la riflessione di Simone Cristicchi e siamo vicini al mondo dello Spettacolo, con la speranza che il tutto torni presto a brillare.

.

Potrebbe interessarti

guardaroba

Ecco il guardaroba post-pandemico

Per troppo tempo la clausura forzata ha inibito le velleità modaiole degli italiani: quasi 7 …

Un frame di La nuova peste

La nuova peste: il Covid in un docu-film

Emozionante docu-racconto sulla tragedia del Covid19 che arriva direttamente da Napoli, che prende il titolo di "La nuova peste".

Cinema on-demand

Cinema e pandemia: a vincere è il web

Parlare del mondo del cinema a partire dal 2020 con il cambiamento radicale nel settore dell'intrattenimento è impresa ardua.