Vincenzo Della Corte: vorrei tornare a Napoli per recitare

Oggi incontriamo Vincenzo Della Corte, giovane attore appassionato alla sceneggiatura ed ex sportivo, con il sogno di tornare a Napoli per poter fare stabilmente l’attore.

Vincenzo Della Corte. Foto da Facebook
Vincenzo Della Corte. Foto da Facebook

Benvenuto su La Gazzetta dello Spettacolo a Vincenzo Della Corte. Sei approdato a Milano per lavoro, ma vorresti tornare nella tua città con i tuoi lavori?

Grazie. Sto proponendo alcune mie sceneggiature con la speranza che vengano prodotte, esattamente come è successo col mio primo cortometraggio, che è stato inserito all’interno del film Italian Blood Stories. Nelle mie sceneggiature scrivo sempre un ruolo adatto a me, perché ciò che mi interessa di più è quello di affermarmi come attore. Per questo, ho nel cassetto ancora quattro sceneggiature. La prima, intitolata Non rispondere, parla dell’importanza di non stare al telefono mentre si guida poiché è un rischio per la vita. Ne ho già fatto una versione cortometraggio, che però sperò di riprendere in maniera più professionale, con dei mezzi adeguati. Inoltre, c’è un lungometraggio, in salsa comedy, che parla della difficoltà di trovare un lavoro dopo i 40 e i 50 anni. I protagonisti sono due uomini che perdono il lavoro a inizio film e sono costretti a reinventarsi, proprio per la difficoltà di trovarne un altro. La terza sceneggiatura è, invece, un thriller – che si intitola L’inganno – e parla di mobbing e di femminicidio. L’ultima, che ha sempre una chiave comica di lettura, l’ho scritta con Gianluca Bonucci e tratta il tema del lavoro e dell’immigrazione. Anche lì ci sono argomenti abbastanza importanti, come quello legato ai problemi economici che si innescano quando si ha un’attività che non si riesce a portare avanti. I due protagonisti, entrambi napoletani, ad un certo punto tentano anche di scappare dalle problematiche della loro agenzia immobiliare. Decidono così di immigrare all’estero con un gommone ma, per via di una serie di divertenti situazioni, finiscono per presentarsi in mare col canotto. Escamotage che ho inserito per rendere più leggera la storia. Non a caso, il cortometraggio si intitola Un Canotto Per Due.

Tra le tue diverse partecipazioni televisive con dei ruoli “non sempre piacevoli” sei stato anche nel cast di Un Posto al Sole… cosa ha segnato per te quell’esperienza?

Mi piacerebbe tornare in Un Posto al Sole non più con una figurazione speciale o un piccolo ruolo, bensì nei panni di un personaggio che possa entrare nel cuore degli spettatori. Essere riconosciuto perché faccio ridere ed emozionare, e non nei panni, come mi è capitato in passato nella soap, di un bullo o di un malvivente violento.

In attesa di sapere se il tuo sogno di tornare a Napoli si concretizzerà, sei tornato sul set?

Si, sto girando una serie televisiva, che al momento non si sa ancora dove verrà distribuita. Posso anticipare che interpreterò un commissario di polizia e che verrò invecchiato, grazie al trucco. Ho ottenuto il ruolo grazie alla mia conoscenza pregressa con il direttore di produzione, con cui realizzerò un film dedicato alla vita di Luciano Moggi. Per ora, a causa dell’emergenza, di quest’ultimo lavoro abbiamo potuto girare soltanto il trailer a Milano. Tornando alla serie, il direttore di produzione, che mi aveva già visto sul set e conosceva il mio modo di lavorare, mi ha voluto nel cast, anche se la mia età non coincideva con quella del commissario. Un aspetto che fa sì che ogni volta, prima di girare, io debba stare almeno due ore al trucco. Comunque sia, allo stato attuale ho lavorato due giorni, in un paese vicino a Milano, e riprenderò ad ottobre circa. Per me è un’esperienza nuova, anche perché girerò in uno green screen che poi, grazie al lavoro computerizzato, diventerà un bosco.

Quindi un ruolo da commissario, che ti ha dato una botta di energia in seguito al lock-down?

Non mi aspettavo di tornare così presto sul set. Questo lavoro è stato una manna dal cielo. Faccio una premessa: noi attori viviamo dei periodi di lockdown interiore perché quando non squilla il telefono ci facciamo tante paranoie. Capita dunque che sopraggiunga l’istinto di mollare o di fare dell’altro, ma poi c’è qualcosa che ci sprona sempre ad andare avanti. La telefonata per la serie è stata quindi una pillola di benessere. Nonostante dovessi girare soltanto due giorni, sono andato sul set due volte in più, con la scusa di incontrare l’actor coach, col solo fine di respirare la sua aria, quell’emozione che mi mancava.

Potrebbe interessarti

Nadia Carlomagno. Foto di Kriss Barone

Nadia Carlomagno, mi piacerebbe lavorare per aiutare gli altri

Incontriamo oggi Nadia Carlomagno, entrata da qualche mese nel cast della soap televisiva “Un Posto …

Ludovica Nasti - Diario Geniale

Ludovica Nasti lancia il suo “Diario Geniale”

Dopo averla incontrata per raccontarci delle sue passioni, la giovanissima attrice Ludovica Nasti, fa il …

Erik Tonelli. Foto da Facebook

A tu per tu con Erik Tonelli da Un Posto al Sole

Dallo scorso anno, i fan di Un Posto al Sole hanno potuto familiarizzare con il …

Lascia un commento