Alburni World Jazz Festival 2022

Alburni World Jazz Festival: XXVIII edizione

Torna in Campania Alburni World Jazz Festival XXVIII Edizione, uno dei festival più longevi, con un programma live qualitativamente ricco votato alla valorizzazione della storia, delle tradizioni culturali, enogastronomiche e paesaggistiche dell’alto Cilento.

L’Alburni World Jazz Festival 2022 propone un trittico di concerti che vedranno protagonisti il camerunése Richard Bona; il rappresentante della world music italiana Eugenio Bennato con i Taranta Power e il trio francese composto dal batterista Andrè Ciccarelli, il chitarrista Sylvain Luc e contrabbassista Thomas Bramerie.

Il programma di Alburni World Jazz Festival

Richard Bona inaugurerà il festival il giorno 10 agosto, mentre l’11 agosto sarà la volta di Eugenio Bennato, accompagnato dalla sua band Taranta Power proporrà un misto di ballate e canzoni cantautoriali della tradizione del Sud Italia e inediti del suo lungo repertorio folk che da decenni diffondo messaggi di integrazione tra popoli e culture diverse.

A chiudere la tre giorni invece ci saranno due grandi musicisti jazz francesi: Andrè Ceccarelli, musicista di caratura mondiale, performer di classe dotato di sensibilità e controllo incredibili sullo strumento che con il suo drumming raffinato e il suo swing propulsivo è un autentico riferimento per chiunque suoni la batteria. Con lui sul palco il chitarrista, polistrumentista e arrangiatore Sylvain Luc, considerato uno dei grandi nomi del jazz europeo, e il contrabbassista Thomas Bramerie.

Le dichiarazioni

Da quest’anno la direzione artistica è affidata al cantante e pianista jazz Walter Ricci che ha così dichiarato: “La musica costruisce dei ponti che mettono in comunicazione fra loro uomini provenienti da altre culture, che parlano altre lingue e che professano religioni diverse. La musica è capace di costruire ponti culturali, abbattere i muri dell’indifferenza e assumere anche una funzione sociale presentandosi come un strumento straordinario di integrazione culturale. La musica è un linguaggio universale ed è comprensibile a tutti, anche a chi non l’ha mai praticata e si è solo limitato ad ascoltarla.

E ‘proprio questa la chiave del nuovo festival: offrire agli ascoltatori le potenzialità di uno strumento raffinato e artistico che allo stesso tempo ha funzione sociale. La mia carriera è iniziata alla tenera età di dieci anni quando mio padre, arrangiatore e produttore musicale, mi ha trasmesso la passione e la grinta per districarmi in questo mondo. Ed oggi essere stato invitato a dirigere una rassegna così importante mi fa sentire onorato e orgoglioso perché posso mettere in pratica i suoi insegnamenti”.

Autore: Silvana De Dominicis

Vice direttore di La Gazzetta dello Spettacolo, amante degli animali, la natura e la cucina veg. Umiltà e sensibilità sono nel contempo i miei pregi e difetti.

Potrebbe interessarti

Il borgo di Castelfalfi

Castelfalfi: la poesia in un borgo sotto le stelle

Una notte piena di stelle a Castelfalfi, dove unendo arte e vino arriva la nuova edizione di Calici di Stelle, con Elisabetta Rogai.

La coppa del mondo per i Mondiali Qatar 2022. Foto dal Web unspash

Mondiali Qatar 2022: tutto quello che c’è da sapere

Le nazionali di Australia e Costa Rica sono due Paesi agli antipodi ma hanno una cosa in comune: accedere ai Mondiali di Qatar 2022.

Pop Orchestra Fantasy presenta Orchestra Artemus

Pop Orchestra Fantasy sbarca a Pompei

L’Orchestra Artemus con Pop Orchestra Fantasy sabato 6 Agosto farà un excursus nella musica pop a cominciare dagli anni ‘60.

Lascia un commento