Foggia Film Festival 2020 - Io resto a casa

Foggia Film Festival 2020: la X edizione si anticipa online

Il Foggia Film Festival aderisce alla campagna di contrasto CoronaVirus e lancia il claim “Il Festival a casa, tu però fatti trovare!”.

Foggia Film Festival 2020 - Io resto a casa

In costanza di emergenza sanitaria, dovuta alla diffusione pandemica del virus Covid-19 che come noto ha colpito la popolazione mondiale, al fine di alleviare e rendere meno difficile la permanenza delle persone in casa, l’Associazione culturale di cinema e teatro “La Bottega dell’Attore-Teatro Studio Dauno” e Assessorato Cultura Città di Foggia, co-organizzatori e promotori del Foggia Film Festival e Student Film Fest, da sabato 28 marzo 2020, ore 18:00 renderanno disponibile un nutrito carnet di opere filmiche che hanno fatto parte delle recenti Official Selection.

A beneficio del pubblico un’ampia scelta di documentari, cortometraggi e lungometraggi, tra cui il film girato a Foggia e in provincia ‘In viaggio con Adele’ di Alessandro Capitani, prodotto dalla Paco Cinematografica, Miglior Film nell’edizione FFF 2018.

Alla campagna Covid-19 hanno aderito produttori, distributori, registi, attori e sceneggiatori, ai quali tributiamo il nostro sentito ringraziamento per la disponibilità accordataci sia in passato che in questo momento di paralisi totale dello spettacolo dal vivo, delle occasioni d’aggregazione sociale ed in parte dell’offerta culturale audiovisiva.

Autore: Redazione

Redazione Giornalistica

Potrebbe interessarti

Il primo ciak del cortometraggio The Lottery

The Lottery: primo ciak a Roma

Primo ciak nella città di Roma per il film The Lottery, diretto da Giuseppe De Lauri e basato sul racconto di Shirley Jackson.

Karate man

Karate Man: il film sulla vita di Del Falco

Arriva in prima visione su Amazon Prime Video il film Karate Man, diretto da Claudio Fragasso, sulla vita di Claudio Del Falco.

Una scena di Dirty Dancing

Dirty Dancing, nel 2024 un altro sequel?

Il film Dirty Dancing è una pietra miliare del cinema, e si parla di un sequel di cui parliamo con il coreografo Robert Fletcher.

Lascia un commento