Satori non deve morire

Sàrtori non deve morire al Teatro Studio Uno

La stagione del Teatro Studio Uno – Casa Romana del Teatro Indipendente continua con un’altra prima assoluta “Sàrtori non deve morire” di Raffaele Balzano con Geremia Longobardo, Raffaele Balzano, Marco Zordan.

Sàrtori non deve morire

In scena dal 4 al 9 febbraio 2014 nello spazio teatrale di Via della Rocca 6, lo spettacolo porta in primo piano una storia di vita vissuta, quotidiana e al tempo stesso morbosa e grottesca. Ossessiva e comune, tanto da coinvolgere lo spettatore in un gioco di specchi in cui riconoscersi e – forse – farsi paura.

Chi di noi, soffrendo, almeno una volta nella vita, nel lavoro oppure negli affetti, non ha avuto la tentazione di mettere l’autore della propria sofferenza di fronte al proprio torto? A molti resta un pensiero nascosto, ad altri, come nel caso del nostro uomo, diventa un progetto da realizzare ad ogni costo. Anche se questo significa trasformarsi da vittima in carnefice.

Marcello Sàrtori, inconsapevole autore delle sofferenze di un uomo, viene messo alla prova dallo stesso personaggio che fa soffrire, attraverso situazioni estreme, a tratti paradossali e dissacranti.

Sàrtori non deve morire è uno spettacolo che, nonostante abbia nella frustrazione, e nel tentativo di superarla, attraverso una seconda possibilità, il suo tema principale, tocca anche le corde del rispetto e della fiducia persa, poi ritrovata, e forse di nuovo persa.

Autore: Redazione

Redazione Giornalistica

Potrebbe interessarti

FaziOpenTheater 2022-23

FaziOpenTheater: la rassegna 2022-23

FaziOpenTheater, Rassegna Nazionale Teatro – Danza – Arti Performative presenta gli spettacoli del cartellone 2022/23.

NEST stagione teatrale 2022-23

NEST: stagione teatrale 2022-23

Tutto pronto per la stagione teatrale 2022-23 del teatro NEST di Napoli, che si presenta con un cartellone ricco di novità.

Michele Di Mauro

Michele Di Mauro: mi sento un operaio dello spettacolo

Ama definirsi un semplice "operario" dello spettacolo: incontriamo a tu per tu l'attore, doppiatore e regista, Michele Di Mauro

Lascia un commento