Statuto tornano sul palco di Sanremo

Gli Statuto hanno ufficialmente presentato la loro candidatura per la selezione alla categoria “big” del Festival di SanRemo 2014, proponendo due canzoni con sonorità molto particolari e originali.

La prima è un ironica “preghiera” a San Remo, il quale è l’unico “santo in paradiso”  conosciuto dalla band a cui si rivolgono chiedendo di accoglierli e di farli tornare visibili e “famosi” come capitò la prima volta al “suo” festival, in modo da poter riuscire ad arrivare a fine mese senza problemi di sostentamento a dispetto della crisi impellente.

La seconda è invece dedicata metaforicamente al novello “Fonzie” della politica, con un parallelo scherzoso tra Happy Days di 40 anni fa’ in U.S.A. e i giorni “meno felici” in Italia di oggi.

Gli Statuto sono da 30 anni una realtà unica nel panorama della musica italiana, perché con il loro coerente ma sempre evoluto stile, con la loro immediatezza e sfrontatezza nei testi, spesso ironici o sarcastici, aggressivi e umili, con una musica che mischia ska, soul, powerpop e pop italiano, senza mai aver assunto i panni delle “star”,  sono arrivati su ogni tipo di palcoscenico,dal Teatro Ariston del Festival di Sanremo, al concerto per i licenziati della Lancia/Fiat di Chivasso, dal Festivalbar al Leonkavallo, dal Cantagiro al concerto in Plaza De La Revoluciòn all’Habana de Cuba (invitati dalle autorità locali), sempre con la massima semplicità e naturalezza che li contraddistingue fin dai loro inizi.

Potrebbe interessarti

Area Sanremo

Area Sanremo 2019: successo per le prime audizioni

Per Area Sanremo è stata superata la soglia degli 800 iscritti per questa edizione, che …

Lisa Panetta ospite a Le Eccellenze del Sud

Lisa Panetta, i fan la vogliono a Sanremo

Voce unica, straordinario talento ed emozioni regalate ai fans che vanno dritte al cuore: parliamo …

Angelo Perri. Foto frame da un live

Angelo Perri, dalla Calabria alla finale per Sanremo New Talent

È proprio il caso di dirlo, le belle notizie devono essere raccontante. Una di queste …

Lascia un commento