Siamo solo piatti spaiati, di Alessandro Curti

Oggi parliamo di Siamo solo piatti spaiati di Alessandro Curti, che racconta del viaggio fisico e interiore del giovane protagonista Davide.

Siamo solo piatti spaiati, di Alessandro Curti

Il ragazzo si trova in custodia cautelare, e in quanto minorenne viene mandato lontano dai suoi affetti in una casa famiglia. Il viaggio nella macchina della polizia è la metafora dell’ignoto cui vanno incontro gli adolescenti nel delicato passaggio dalla giovinezza all’età adulta, un viaggio percorso dal protagonista con l’ansia e la solitudine che accompagna ogni cambiamento cruciale nella vita.

Davide si ritrova in un vortice di insicurezze e domande senza risposte, confinato in un mondo straniero, dove non ci sono facce amiche e dove dovrà cominciare a contare solo su sé stesso. Al viaggio materiale verso la comunità si affianca il viaggio intimo del ragazzo: l’esilio dalla sicurezza della famiglia lo porta infatti a fare i conti con i propri errori, a mettere in discussione la propria visione del mondo e le azioni dei suoi genitori.

Senza la coperta di Linus data dall’ambiente familiare e dalle consuetudini di un adolescente, il ragazzo è costretto a crescere, a prendere in mano la propria vita e soprattutto a imparare a interagire con la diversità, con gli esseri umani e le situazioni più disparate. In questo romanzo anche la figura dell’adulto viene messa in discussione, perché non si finisce mai di crescere, perché gli errori possono essere commessi a ogni età. I personaggi di Siamo solo piatti spaiati raccontano di ognuno di noi, delle nostre lotte quotidiane, dei nostri sbagli e delle nostre paure.

È un romanzo che parla di cambiamento, necessario anche se spesso doloroso per affrontare il viaggio della vita; è una finestra sull’adolescenza e sul duro “mestiere” del diventare adulti. Resta impressa a fine lettura la figura dell’educatore Andrea, un uomo che sa ancora guardare il mondo con gli occhi di un ragazzo, e che insegna che la coerenza è uno dei valori più importanti dell’esistenza, perché permette di avere un rapporto sano con noi stessi e con gli altri. Un romanzo che sarà particolarmente apprezzato da chi cerca un punto di vista onesto e professionale sulle relazioni interpersonali, soprattutto in ambito familiare, e da chi vuole comprendere più nel profondo i comportamenti a volte indecifrabili dei propri figli e in generale delle giovani generazioni.

Alessandro Curti

Educatore, pedagogista e scrittore. Si è occupato del disagio minorile prima in comunità e attualmente in interventi educativi scolastici, domiciliari e aggregativi. Collabora inoltre con diversi progetti di formazione. Nel 2015 esce per C1V Edizioni il suo primo romanzo Padri Imperfetti, seguito nel 2016 da Mai più sole e nel 2017 da Sette note per dirlo, scritto a quattro mani con Cinzia Tocci. Siamo solo piatti spaiati (C1V, 2018) è il suo quarto romanzo: Siamo solo piatti spaiati

Potrebbe interessarti

Punctum Fluens diretta da Giovanni Cardone

Giovanni Cardone per Punctum Fluens

Arriva la collana Punctum Fluens, una sfida letteraria diretta da Giovanni Cardone. La sfida in …

Ischia celebra Luchino Visconti e Angelo Rizzoli

Ischia celebra Luchino Visconti e Angelo Rizzoli

Sotto l’alto patrocinio della Presidenza del Parlamento Europeo, Ischia celebra in due serate (14-15 settembre) …

Fedez per il Gruppo Ospedaliero San Donato. Foto di Alessio Cocchi

Fedez per il cuore per il San Donato

Dopo essere stato protagonista del Royal Wedding all’italiana con Chiara Ferragni, torniamo a parlare di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.