open grave

Open Grave, la recensione

Il regista del found footage “Apollo 18” mette in scena un thriller dalle dubbie qualità. Catalogato come horror Open Grave non riesce a suscitare tensione ne paura per tutto l’arco del film lasciano a fine visione un senso di pesantezza.

Una scena di Open Grave.
Una scena di Open Grave.

La regia di Gallego funziona: i movimenti di macchina frenetici ti inseriscono a pieno livello sulla scena e l’inserimento di flash back poco comprensivi accrescono la curiosità nello spettatore; peccato che tutto ciò sia realizzato con poca cura: la struttura della sceneggiatura è totalmente al contrario di quelle viste solitamente con degli elementi che ricordano parecchio serie tv come Lost o The Walking Dead ma il suo più grande difetto è quello di non avere un ritmo costante che finisce in più di una circostanza a distrarre lo spettatore dalla scena.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=gHuUjsyQ1SA[/youtube]

Le situazioni il più delle volte vengono descritte in maniera fin troppo frammentaria e lo spiegone finale salva solo in parte l’intero prodotto. La fotografia del film funziona parecchio con l’alternanza di colori caldi e freddi a seconda delle situazioni e l’utilizzo di rallenty ben studiati che non sembrano mai fuori luogo. Ottime inquadrature, ben messo in scena e ben recitato da attori che sommariamente riescono a portare avanti la scena: Sharlto Copley, il fratello mancato di Daniel Day-Lewis in “Gangs Of New York” funziona parecchio come personaggio confuso e la mancanza di fiducia in se stesso lo eleva ancora di più, in termini stretti.

Tutto il cast viene promosso anche se purtroppo il film non funziona per intero. Sceneggiatura e ritmo frammentario accompagnate da una fotografia e da un comparto tecnico interessante che ricorda il cinema di Inarritu portano in scena un film altalenante che comunque merita una visione per lo stile e per il tentativo.

Autore: Redazione

Redazione Giornalistica

Potrebbe interessarti

Il primo ciak del cortometraggio The Lottery

The Lottery: primo ciak a Roma

Primo ciak nella città di Roma per il film The Lottery, diretto da Giuseppe De Lauri e basato sul racconto di Shirley Jackson.

Karate man

Karate Man: il film sulla vita di Del Falco

Arriva in prima visione su Amazon Prime Video il film Karate Man, diretto da Claudio Fragasso, sulla vita di Claudio Del Falco.

Una scena di Dirty Dancing

Dirty Dancing, nel 2024 un altro sequel?

Il film Dirty Dancing è una pietra miliare del cinema, e si parla di un sequel di cui parliamo con il coreografo Robert Fletcher.

Lascia un commento