Cabaret - Giampiero Ingrassia e Giulia Ottonello

Cabaret, Ingrassia ed Ottonello in scena

Arriva al teatro il Cabaret con Ingrassia ed Ottonello

Giampiero Ingrassia e Giulia Ottonello saranno in scena con il musical Cabaret, regia di Saverio Marconi con lo spettacolo tratto dall’omonimo film vincitore di ben 8 premi Oscar, con la bravissima Liza Minelli. Cabaret è stato riportato anche in teatro divenendo ben presto un classico tra i musical.

Cabaret - Giampiero Ingrassia e Giulia Ottonello

Lo spettacolo, scritto da Joe Masteroff, basato sulla commedia di John Van Druten e sui racconti di Christopher Isherwood, ha le musiche di John Kander e le liriche di Fred Ebb, tradotto con attenzione da Michele Renzullo.

La colonna sonora è straordinaria, come straordinari ed intramontabili sono “Willkommen”, “Money”, “Maybe This Time”, “Life is a Cabaret”.

Il Regista Marconi, già in precedenza aveva portato in scena Cabaret, nel 1992 e nel 2007 ma in questa nuova veste ha voluto un allestimento non sfarzoso, lustrini e paillettes daranno spazio alle parole. Teatro, nel teatro, uno spaziato della vita a tratti dura ma anche meravigliosa. La scenografia porta la firma di Gabriele Moreschi e dallo stesso Saverio Marconi. I costumi fedeli all’epoca e raffinati sono di Carla Accoramboni, frutto di un’attenta ricerca storica. Le luci di Valerio Tiberi creano atmosfere molto suggestive, per non parlare dei quadri musicali del Kit Kat Klub, con le coreografie di Gillian Bruce, tra cui spicca la sensuale “Mein Herr”. La direzione musicale è di Riccardo Di Paola, la supervisione musicale è di Marco Iacomelli, il disegno fonico di Enrico Porcelli.

Il protagonista, Giampiero Ingrassia, in “Cabaret” ricopre i panni di un personaggio poliedrico, eclettico e con diverse sfaccettature, una rivelazione che gli ha conferito il Premio Persefone 2016 come migliore attore protagonista di musical, dando grandi prove di recitazione, ma soprattutto grandi prove canore, come lo dimostra in particolar modo intonando le note di “I don’t care much”.

La trama prende il via nella Berlino dei primi anni ‘30, sullo sfondo dell’avvento del nazismo, si intrecciano le storie dei vari personaggi: la delicata Sally Bowles (Giulia Ottonello), giovane stella del Kit Kat Klub, inizia una relazione non serena con il giovane romanziere americano in cerca di ispirazione Cliff Bradshaw (Alessandro Di Giulio); l’austera Fräulein Schneider (Altea Russo); il timido ebreo Herr Schultz (Michele Renzullo); la libertina Fräulein Kost (Valentina Gullace); il nazista Ernst Ludwig (Andrea Verzicco); ed a fare da supervisore a tutti uno straordinario Giampiero Ingrassia, Maestro di Cerimonie che invita tutti a lasciarsi travolgere dalle atmosfere particolari del locale e tentare di dimenticare i problemi della realtà. Ingrassia ricopre un ruolo ambiguo e stravagante, è una continua tentazione, grande ammaliatore che apre agli spettatori le porte del famoso club berlinese, metafora della decadenza del mondo, sempre pronto a ironizzare e scherzare, pur avendo un’etica non lineare che viene sottolineata anche dal trucco che gli regala il viso a tratti misto tra Joker, il Corvo e il cantante dei Kiss Gene Simmons, una maschera che inquieta.

Lo spettacolo andrà in scena al Teatro Augusteo di Napoli da Venerdì 9 fino a Domenica 18 dicembre.

Autore: Redazione

Redazione Giornalistica

Potrebbe interessarti

Yari Gugliucci nello spettacolo L'ombra di Totò

Yari Gugliucci: io e mia figlia

Ritroviamo l'attore Yari Gugliucci, protagonista in teatro dello spettacolo, "L'ombra di Totò" che ci racconta la vita da papà.

Fedra di Seneca

Fedra di Seneca, la recensione

Fedra di Seneca in scena al teatro La Pergola di Firenze. La recensione dello spettacolo diretto dall'attrice Elena Sofia Ricci.

Alfredo Lo Piero

Alfredo Lo Piero: caparbietà e fortuna da sempre dalla mia parte

La Gazzetta dello Spettacolo ha il piacere di incontrare il vissuto del regista Alfredo Lo Piero che ci racconta qualche novità.

Lascia un commento