L’arte della guerra vol 1: il 1 Aprile torna Giuliano Dottori

Un disco scritto e realizzato tra il 2008 e il 2012, anni caratterizzati da diverse e significative esperienze per Giuliano Dottori, cantautore arrivato al terzo disco solista e chitarrista dalle numerose esperienze, prima fra tutte quella negli Amor Fou.

Quei quattro anni hanno portato Giuliano a riflettere sul valore dell’attesa e sul rapporto tra passato, presente e futuro. L’Arte Della Guerra, il manuale di saggezza e tattica bellica di Sun Tzu ha fatto da cornice e al tempo stesso da sfondo, guidandolo in un percorso attraverso tour, valigie, traslochi, nuovi arrivi, partenze e rogiti. Poi l’elaborazione del lutto e il ribaltamento del rapporto padre/figlio, per concludere con la prima vera conoscenza della solitudine.

Mi ricordo di un agosto, nel 2011. Mi ricordo di due giorni senza documenti e senza soldi perché mi avevano rubato il portafogli. Mi ricordo della prima notte in una stanza con le pareti sporche e senza mobili, dopo un trasloco non finito, le valigie ancora da disfare e un ambiente ancora poco familiare. Ricordo che per la prima volta nella mia vita mi sono sentito completamente solo. Il che fa di me un privilegiato, perché non avevo davvero mai provato mai quella sensazione prima di allora. Mi ricordo che il giorno dopo, in pizzeria mi hanno fatto mangiare a credito, senza sapere chi fossi. Ricordo di aver pensato che non bisogna mai smettere di credere nelle persone”.

Ma è solo diverse settimane dopo quella serata, quando nel frattempo era ripartito in tour ed era ritornato, aveva concluso il trasloco, aveva dimenticato la sensazione di quella sera, che Giuliano Dottori ha realizzato che tutti i brani di questo disco scritti fino a quel momento, parlavano della stessa cosa: l’attesa di qualcosa di nuovo e positivo. Il disco si chiama “L’Arte della Guerra” perché Sun Tzu in quel libro ha scritto parole memorabili che lo hanno accompagnato durante quegli anni.

“Se penso all’arte della guerra penso innanzi tutto a una ridefinizione della mia vita. Per me ha un senso quasi di rinascita. Insomma quel tipo di opera che si cerca di partorire quando si giunge al mezzo del cammin di nostra vita e si fanno i conti con il proprio bilancio personale”.
Ecco quindi il nuovo disco di Giuliano Dottori, “L’Arte Della Guerra Vol. 1” in uscita il 1 Aprile 2014 e disponibile in pre-ordine su iTunes dal 14 marzo. L’album, già anticipato nei mesi scorsi dai due video “Le Vite Degli Altri” e “I Fiori Muoiono Quando Ci Rattrista Perderli” e da una campagna di crowdfunding che ha rivelato un forte e inaspettato sostegno della gente, viene ora lanciato dal nuovo singolo e video “Estate #1107”, in radio dal 14 marzo. “L’Arte Della Guerra Vol. 1” è un album è rinnovamento stilistico e tematico, distanziandosi notevolmente dal contenuto dei precedenti lavori. Giuliano incontra una maturità artistica e lirica che permette di scrivere un concept album diviso in due parti, in cui “L’Arte Della Guerra Vol. 1” è il primo capitolo di questo nuovo romanzo in canzoni, a cui seguirà il logico secondo volume.

Il ritorno di Giuliano Dottori giunge a distanza di quattro anni dal precedente “Temporali e Rivoluzioni” e vede la presenza consolidata di Marco Ferrara al basso e di Mauro Sansone alla batteria, per un lavoro che non pone limiti e freni alla scrittura e che si concentra sul nucleo di ogni canzone. Musicalmente “L’Arte Della Guerra” assimila da artisti quali Patrick Watson, Bon Iver, Grizzly Bear, Francesco De Gregori, Fleet Foxes, mentre la copertina e l’artwork sono curati da Simone Massi, animatore indipendente che ha ideato e realizzato piccoli film d’animazione mostrati in cinque continenti, raccogliendo numerosi riconoscimenti a livello internazionale.

“L’Arte Della Guerra Vol. 1” esce per la nuova etichetta Musica Distesa, fondata dallo stesso Giuliano Dottori insieme al fratello viticoltore Corrado, figlia del Festival di Musica Distesa, che ormai da diversi anni si tiene tutte le estati nell’omonimo agriturismo di Cupramontana, nella zona dei Castelli di Jesi.

Autore: Redazione

Redazione Giornalistica

Potrebbe interessarti

LaFede

LaFede: il mio Burro al Karitè

Federica Sportelli, LaFede, è un’artista milanese classe 1992. La musica e il canto sono stati, fin da piccola, le sue spinte interiori.

Annarè Persiano

Annarè Persiano, fra Gianna Nannini ed Elisa

Annarè Persiano, nel suo profilo Instagram, si descrive con queste parole: Sono una sognatrice, una scrittrice, un’ascoltatrice

Andrea Lombardi

Andrea Lombardi: sogno cinema e tv

Andrea Lombardi, giovane attore premiato dal "Premio Vincenzo Crocitti", inizia la sua carriera attoriale all'età di 9 anni.

Lascia un commento