Nicola Arigliano

Nicola Arigliano, signore del Jazz, si è spento a 87 anni

Nicola Arigliano

Si è spento all’età di 87 anni a causa di un infarto Nicola Arigliano

I funerali di Nicola Arigliano si terranno giovedì 28 Gennaio alle ore 16.00 presso la Chiesa SS. Maria Annunziata di Squinzano. La camera ardente è stata aperta a Calimera dove viveva da qualche anno nell’istituto ‘Gino Cucurachi’, un centro per anziani.
Tra le sue ultime apparizioni in pubblico ricordiamo quella di Sanremo, nel 2005, durante la quale vinse il premio della critica con il brano “Colpevole”. Un vero signore della musica, in particolare la musica jazz, canzoni eleganti, voce felpata e vellutata canzoni indimenticabili come “I sing ammore” ed “I love you forestiera”.

Negli anni ’60 divenne uno tra i personaggi più acclamati della tv , simpatico, ironico ed irriverente con il suo dialetto tipico pugliese. “Venti chilometri al giorno” è stato il brano che lo ha consacrato al successo assoluto, durante il Festival di Sanremo del 1964, un testo particolare e canzonatorio che narrava di un giovane innamorato che pur di vedere la sua amata faceva 20 km al giorno per poi sentirsi dire che non aveva voglia di uscire.

Anche Carosello contribuì alla sua notorietà, tra i più noti spot ricordiamo il famoso “Digestivo Antonetto”. Una figura, discreta e garbata che ha lasciato un’impronta indelebile nel mondo del Jazz e non solo.

Su Redazione

Redazione Giornalistica

Potrebbe interessarti

Angelina Mango. Foto di Andrea Bianchera

Angelina Mango: la mia fuga a Spaccanapoli

Torniamo a parlare del talento di Angelina Mango e del nuovo singolo che prende il titolo di "Che t’o dico a fa’".

Levante. Foto di Kimberley Ross

Levante: l’opera futura a teatro

Il cuore della musica di Levante all'Arena di Verona, ha portato la celebrazione dei 10 anni di carriera e nuovi progetti.

Addio a Frank Carpentieri

Frank Carpentieri: si spegne il sound di Made in Sud

Un amico del quotidiano La Gazzetta dello Spettacolo ed un talento della musica da ricordare: Frank Carpentieri.

Lascia un commento