Gaia

Gaia Bermani Amaral, il mio libro per i bambini siriani

Gaia Bermani Amaral

Gaia Bermani Amaral racconta il suo libro

Gaia Bermani Amaral è un’attrice italiana di successo. La fiction Un passo dal cielo, dove recita al fianco di Terence Hill, la rende popolare e amatissima dal grande pubblico grazie al ruolo della dolce e particolare veterinaria Silvia. Ma tanti sono i ruoli importanti. Lavora accanto a Margherita Buy e Luca Zingaretti nel drammatico film ‘I giorni dell’abbandono’, con Virna Lisi e Nancy Brilli nella serie TV ”Donne sbagliate”, nelle famose fiction ” Capri” e ”Amiche mie”. Oggi, Gaia ha deciso di trasferirsi a Londra e si è messa alla prova scrivendo un libro delicato e vero per i bambini siriani. Un’avventura che sicuramente la rende ancora più speciale e carismatica.

Ciao Gaia! Benvenuta su La Gazzetta dello Spettacolo! Iniziamo subito. Ti sei trasferita da poco a Londra. Come ti stai trovando?

È una città piena di stimoli, di energia, di novità. Avevo voglia di cambiamento. Camminare per le strade in una città così tanto internazionale mi emoziona.

Cosa ti manca di piú dell’Italia?

L’olio buono Ma siamo vicini: soltanto un’ora e trenta di volo. Infatti sono tornata qualche giorno a Milano per la promozione del mio libro di favole: “La Fata dell’Arcobaleno e il Mistero delle Cinque Lune”, edito da Nord-sud Salani Editore

Hai recentemente scritto il tuo primo libro, una favola per i bambini siriani. Come é nata questa storia?

Parte del ricavato verrà devoluto in beneficienza all’Unicef per aiutare i bambini siriani colpiti dalla guerra. L’anno scorso ho avuto l’onore di visitare insieme all’Unicef il campo di Za’atari in Giordania dove allora erano ospitati 50.000 bambini siriani sfuggiti alle bombe. Pensate che oggi sono già 300.000.
La favola è nata per il bisogno di sfogare la mia passione di scrivere. Mi ha divertito molto crearla. la fantasia è una dimensione senza limiti che ti fa sentire viva. E nel mio piccolo, posso anche aiutare i bambini con qualcosa di concreto.

Quando é nata questa tua passione per la scrittura? Scriverai altre favole?

Fin dal liceo classico la mia materia preferita era letteratura. Mi piacerebbe molto scrivere il sequel della favola e realizzare anche il film di animazione e una serie web, tipo Peppa Pig.
Credo il personaggio di Drillo, il coccodrillo vegetariano sia davvero simpatico e molto attuale.

Hai lavorato nella serie tv francese Xanadu- Una famiglia a luci rosse. Come é stata questa esperienza?

Bellissima! I francesi sono molto professionali e sul set c’era una grande accuratezza nei dettagli. Le scenografie e le atmosfere mi hanno molto colpito. È interessante recitare in una lingua che non è la tua. Ti senti già diversa e più vicina al personaggio che stai interpretando.

Numerose sono state le fiction italiane in cui hai lavorato. Raccontaci un ricordo bello che hai del set.

Sul set di “Un passo dal cielo”, interpretando una veterinaria, ho avuto l’occasione di prendere in braccio un bambi di soli tre mesi. Era molto tenero.

Un ruolo che vorresti interpretare e un regista con cui vorresti lavorare?

Vorrei lavorare con Lars Von Trier e con Haneke. Due registi molto incisivi. Per quanto riguarda i ruoli, non ce n’ è uno specifico. A me piace potermi trasformare sempre.

L’ultimo film che hai visto e l’ultimo libro che hai letto?

Il fim indipendente Mommy diretto da Xavier Dolan. Pazzesco! E il libro “Diotima e i Leoni” di Henry Bauchau.

Quale é il tuo rapporto con la tecnologia? Su quale social sei piú attiva?

Aihmè, non sono molto tecnologica… ma mi piace twitter. Mi trovate qui: @gaia_amaral

Il pubblico italiano ti ha amata da subito, soprattutto per la fiction A Un passo dal cielo. Quale é il tuo rapporto con i fans oggi?

Il mio rapporto con i fans è sempre stato positivo e affettuoso, devo dire. E per questo vi ringrazio tutti.

Tornerai in Italia?

Certo. Intanto faccio su e giù. Poi si vedrà.

Progetti futuri?

In questi giorni verrà presentato al Marchè du Film di Cannes, un film Indipendente di cui sono la protagonista femminile intitolato “All’Improvviso Komir” con la regia di Rocco Ricciardulli. Uscirà nelle sale in Italia, in autunno.

In autunno uscirà anche in Francia un film francese dal titolo “West Coast” con la regia di Benjamin Weill. Mentre quest’estate dovrei iniziare a girare un nuovo film di cui sono co-sceneggiatrice. È una storia davvero avvincente. Ecco la scrittura che ritorna

Autore: Redazione

Redazione Giornalistica

Potrebbe interessarti

Mago bianco - Vite e segreti di Pietro d'Abano medico ed eretico, di Roberto Zucchi

Mago bianco-Vite e segreti di Pietro d’Abano medico ed eretico, di Roberto Zucchi

Roberto Zucchi, scrittore e giornalista ci racconta il suo "Mago bianco - Vite e segreti di Pietro d'Abano medico ed eretico".

Meglio fare 100 cose bene che una male, di Max Nardari

Meglio fare 100 cose bene che una male, di Max Nardari

Il regista e autore Max Nardari ci presenta il suo primo libro dal titolo "Meglio fare 100 cose bene che una male".

Il Tempo è la sostanza di cui sono fatto, di Maria Paola Guarino

Il Tempo è la sostanza di cui sono fatto, di Maria Paola Guarino

Incontriamo Maria Paola Guarino, che ci presenta il suo ultimo libro Il Tempo è la sostanza di cui sono fatto (Vittoria Iguazu Editora).