Lui è mio padre, sul set del film di Roberto Gasparro

Continuano le riprese del film Lui è mio padre, un lungometraggio cinematografico del regista Roberto Gasparro, ispirato al nuovo “Umanesimo Ecologico” di Papa Francesco atto a riconoscere “una relazione di reciprocità responsabile tra essere umano e natura”.

Roberto Gasparro sul set di Lui è mio padre con Gianni Parisi e Giovanna Rei
Roberto Gasparro sul set di Lui è mio padre con Gianni Parisi e Giovanna Rei

L’opera che si incentra sul rapporto affettivo genitoriale tra padre e figlia, è girata interamente nella città di Agropoli (SA), terra d’origine della famiglia Gasparro, che vede lo stesso regista trascorrere nella magica località cilentana le proprie vacanze da ben 44 anni e vuol essere al tempo stesso una sorta di monito ad eliminare qualunque forma di pregiudizio nei confronti dei così detti “rifiuti” o materiali di scarto, sostenendo il pensiero di Victor Davis Hanson che recita: “La spazzatura è una grande risorsa nel posto sbagliato a cui manca l’immaginazione di qualcuno perché venga riciclata a beneficio di tutti”.

E’ dunque il momento di considerare la spazzatura come possibilità e risorsa, recupero, riuso, riparazione e riciclo come ritiene lo stesso Gasparro che in questa occasione si misura nella realizzazione di un lungometraggio drammatico ecosostenibile, partendo dalla considerazione che il Cinema costituisce un grande contenitore di persone, mezzi , strumenti e materiali, producendo una notevole quantità di scarti che devono essere trattati in linea con la sensibilità ambientale tipica della nostra era, fermamente convinto che esso rappresenta il più importante strumento di comunicazione per veicolare messaggi etico-sociali che abbiano una forte incidenza nella coscienza dei popoli.

La storia ruota intorno alla figura di Michele (Gianni Parisi), umile calzolaio ed al suo rapporto complesso con la figlia Cristiana (Giulia Colantonio) che lo considera un fallito a differenza di Giovanni, amico di Michele, affermato imprenditore alberghiero.

Michele nutre una forte passione per il mare e tutte le mattine di nascosto, indossando una maschera, si occupa di pulire le spiagge dall’immondizia, fino a quando, un giorno, una ragazza intenta a fare jogging, gli scatta una foto pubblicandola sui social definendolo “L’eroe mascherato”.

Michele non si separa mai dalla sua tracolla che custodisce tutto l’occorrente per non inquinare l’ambiente e questo suo modus vivendi condizionerà un’intera generazione di persone sensibili al problema dell’inquinamento, riabilitandolo anche agli occhi della figlia.

Nel Cast accanto a Parisi e Colantonio, figurano Giacomo Rizzo, Tony Sperandeo, Giovanna Rei, Ester Gatta, Massimiliano Rossi, Umberto Anaclerico, Loredana Crispino, Rosario Iodice, Sergio Iodice, Stefano Boscolo, Uberto Celeste, Emilio Benevento, Francesca De Padova, Nadia Aulisio, Marco Reggiani.

Potrebbe interessarti

Lui è mio padre, di Roberto Gasparro

Lui è mio padre: terminate le riprese

Girata l’ultima scena che sancisce la fine del set per il film “Lui è mio …

Paolo Caiazzo, Yuliya Mayarchuk e Ciro Ceruti in Non mi dire te l'ho detto. Foto di Roberto Jandoli

Non mi dire te l’ho detto: tra moglie e marito non mettere “il social”

Metti una famiglia “apparentemente normale”, metti un amico di famiglia “apparentemente normale”, aggiungi vizietti personali …

Mai per Sempre alle Giornate di Cinema di Sorrento

Mai per Sempre, l’ottima prova drammatica di Fabio Massa

Mai per Sempre, un titolo che può dire tanto, che può far capire dei significati …

Lascia un commento