Ana Arabia

Ana Arabia al Teatro Altrove

In una terra di confine, in cui religioni e culture si mescolano, Amos Gitai appronta un ritratto sottile e delicato sul Medioriente al giorno d’oggi attraverso il suo Ana Arabia, in Concorso alla 70. Mostra del cinema di Venezia. Un film molto particolare e complesso nella sua “semplicità”, che ha parecchio fatto discutere critica e pubblico.

Ana Arabia

Ad un anno di distanza dal difficilissimo e molto intimo Lullaby to my father, presentato al Lido in Orizzonti, Gitai torna al cinema di finzione con un particolare esperimento. Ana Arabia è girato completamente in un unico piano sequenza e si tratta in sostanza del “girovagare” di una giornalista – interpretata dalla bellissima Yuval Scharf – che seguiamo passo per passo all’interno di una comunità. Questa la sinossi dal sito della Biennale:

Girato in un unico piano sequenza in formato 1:25, Ana Arabia è un momento nella vita di una piccola comunità di reietti, ebrei e arabi, che vivono insieme in un angolo dimenticato da tutti al “confine” fra Jaffa e Bat Yam, in Israele. Un giorno una giovane giornalista, Yael, li va a visitare. In quei tuguri cadenti, nell’agrumeto pieno di alberi di limoni circondati da palazzoni, Yael scopre una serie di personaggi lontanissimi dai soliti cliché della regione e sente di aver trovato una miniera d’oro di umanità. Si dimentica del suo lavoro. I volti e le parole di Youssef e Miriam, di Sarah e Walid, dei loro vicini, dei loro amici, le parlano di vita, di sogni e speranze, di amori, desiderio e disincanto. Hanno un rapporto con il tempo che è diverso da quello della città che li circonda. In questo luogo di fortuna, fragile, esiste la possibilità di convivere. Una metafora universale.

Autore: Redazione

Redazione Giornalistica

Potrebbe interessarti

Il mio amico Massimo

Il mio amico Massimo: un docufilm per Troisi

In scena a dicembre il docufilm “Il mio amico Massimo” dedicato al grande Massimo Troisi ed alla sua storia.

Bloody Festival Roma - Logo

Bloody Festival Roma 2022: ecco Cucinotta, Arcuri e Fici

Arriva a dicembre la quarta edizione del Bloody Festival Roma, che vede quest'anno ospiti la Cucinotta, la Arcuri e la Fici

Fabio Massa, al centro, insieme a David Morgan Jones e Enrico Lo Verso

Fabio Massa: credo nel mio lavoro

Fabio Massa, attore e regista napoletano, è attualmente alle prese con la lavorazione del suo terzo film, "Global Harmony".

Lascia un commento