Premio Nostalgia di Futuro, arriva il Gemello Digitale

Etica, politica, educazione e informazione devono confrontarsi con il “Gemello Digitale”, il nostro prossimo intermediario con l’universo digitale.

La conferenza stampa del Premio Nostalgia di Futuro 2019. Foto MC ricevute da Ufficio Stampa
La conferenza stampa del Premio Nostalgia di Futuro 2019. Foto MC ricevute da Ufficio Stampa

La presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati, ha, per prima, recepito l’importanza del tema ed accettato l’invito dell’Osservatorio TuttiMedia e Media Duemila a riflettere sulla nuova rivoluzione. L’occasione è data dal Premio Nostalgia di Futuro 2019, in programma a Roma il prossimo 25 settembre. Individuare gli strumenti utili a governare il cambiamento è urgente, come afferma Derrick de Kerckhove (direttore scientifico TuttiMedia e Media Duemila): “Le nostre protesi tecnologiche, come ho definito computer e telefono negli anni ’90, oggi diventano autonome e possono pensare e decidere al nostro posto”.

Le dichiarazioni

Spiega de Kerckhove: “Il Gemello Digitale è una tecnologia disegnata da ingegneri nei primi anni duemila per monitorare macchine complesse in tempo reale. Riproduce i motori in modelli digitali. Il concetto sta emigrando all’umano e comprenderà tutti i dati che noi lasciamo nelle banche dati del mondo.” Maria Pia Rossignaud, direttrice TuttiMedia/MediaDuemila aggiunge: “Siri o Alexa sono già degli assistenti digitali, avi del Gemello Digitale che sarà più sofisticato, in quanto nostra interfaccia nella vita digitale”.

Le decisioni prese oggi, influenzeranno il panorama etico, legislativo, sociale, istituzionale e tecnologico del prossimo futuro – precisa Franco Siddi presidente TuttiMedia – ecco perché l’11ma edizione di “Nostalgia di Futuro”, premio che ricorda Giovanni Giovannini, storico presidente FIEG, la dedichiamo a Gemello Digitale: l’altro me. Le rotture vanno anticipate e governate.”

Un parterre qualificato parteciperà alla discussione del 25 settembre (9.30 – 13.00) al Senato della Repubblica: la presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati; Gianni Letta, presidente onorario TuttiMedia; Franco Siddi, presidente Osservatorio TuttiMedia; Roberto Saracco, chair of the SAS Initiative of IEEE; il sociologo Derrick de Kerckhove; Andrea Riffeser Monti, FIEG; Pier Paolo Cervi, Mediaset; Mario Sechi, Agi; Enrico Bellini, Google; Antonella Di Lazzaro, Rai Pubblicità; Laura Bononcini, Facebook. Modera il dibattito la direttrice di Media Duemila, Maria Pia Rossignaud.

Alla fine del dibattito l’associazione Osservatorio TuttiMedia (ENI – FIEG – FNSI – FUB – Google – Facebook – Intesa San Paolo – Mediaset – RAI – Rai pubblicità – Unipol Sai – UPA) consegnerà i premi “Nostalgia di futuro” a ricercatori, imprese e studenti per progetti di informazione innovativi e start up. Da quest’anno il premio si arricchisce della sezione “Innovazione è Donna”.

Potrebbe interessarti

Francesca Giuliano di Avanti un altro contro il Body Shaming. Foto da Facebook

Body Shaming: quando la popolarità è un pericolo

Arriva alla ribalta dei TG nazionali, la questione “Body Shaming” nel mondo dello Spettacolo, dopo …

Cuori solitari con lo smartphone

Cuori solitari: le conquiste ai tempi dello smartphone

L’amore non ha età, non ha tempo e non ha barriere, e anche in periodi …

Maurizio De Giovanni. Foto di repertorio

Maurizio De Giovanni risponde a Vittorio Feltri

Le ennesime e gravissime affermazioni di Vittorio Feltri contro i meridionali, tenute nel corso della …

Lascia un commento