Marco Maddaloni, l’Isola e la famiglia

In una intervista esclusiva, ecco Marco Maddaloni, il vincitore dell’ultima edizione de L’Isola dei Famosi, si racconta a Verissimo.

Marco Maddaloni. Foto dai Social Network
Marco Maddaloni. Foto dai Social Network

Ed è qui che il campione campano parla della sua esperienza in Honduras che lo ha visto trionfare in finale contro Marina La Rosa: “Sto vivendo un sogno. Vedere la gente che mi applaude significa che ho trasmesso qualcosa. Sono sorpreso perché sull’Isola non hai la cognizione di quello che sta arrivando a casa. È stato un viaggio veramente tosto, bello, brutto e difficile, fatto di discese e salite.

Nella mia vita ho vinto qualche cosa ma non ho mai avuto tutto questo: quando ho vinto l’Europeo di Judo c’era un solo trafiletto sull’ultimo giornale d’Italia. Dopo questo trionfo, quando sono tornato a Napoli, tre macchine si sono fermate e mi hanno ringraziato. E non so nemmeno il perché“.

Una vittoria arrivata anche grazie a una strategia chiara, quella di tenersi fuori dai litigi e dagli scontri con gli altri naufraghi: “Verso la settima settimana ho deciso di togliermi da tutte queste dinamiche, ho iniziato a non fare più gruppo, ma a gustarmi le persone singolarmente. Non ho seguito le loro strategie ma ho fatto la mia“.

Un percorso fatto anche di ostacoli, difficoltà e lutti. Durante la permanenza sull’Isola infatti è venuta a mancare sua nonna: “Sono il terzo figlio di una famiglia di campioni. Con i miei fratelli ci allenavamo tantissimo, 8-9 ore al giorno e poi andavamo in Giappone e in Corea per mesi e non mi sono goduto molto mia nonna. Sull’Isola, dove hai poco da fare pensi a tutte queste cose. Però, prima di partire le ho fatto conoscere mio figlio e l’ho salutata. Questa cosa mi ha tranquillizzato. La sua morte mi ha insegnato molto: da adesso in poi dedicherò un po’ più di tempo a ogni persona a me cara“.

La famiglia unita e alla quale Marco è legatissimo come dimostra il racconto della commovente lettera scritta alla mamma: “Il mare ha portato sulla spiaggia una penna e ho scritto una lettera a ogni mio parente. In quella per mia mamma la parola che ho utilizzato di più è stata ‘scusa’. ‘Scusa’ per ogni volta che l’ho trascurata, che non le ho risposto al telefono, per ogni volta che non ho trovato un momento per andare al mercato con lei. La lettera gliel’ho regalata, dicendole di farmela rileggere ogni volta che commetterò gli stessi errori“.

Potrebbe interessarti

A qualcuno piace rock

A qualcuno piace Rock: a Roma con l’Accademia l’Arte nel Cuore Onlus

A qualcuno piace Rock: il 16 giugno al Teatro Olimpico di Roma con l’Accademia L’Arte …

Dino Piacenti e Marco Maddaloni con le prime tre classificate alla tappa di Ragazza We Can Dance 2019

Ragazza We Can Dance 2019, al via sulla MSC

Si riparte anche in questo 2019, con la grande avventura della nona edizione del concorso …

Giulia Salemi. Foto da Ufficio Stampa

Giulia Salemi è in love?

Un personaggio lo si apprezza davvero, quando è capace di non schernire le sue emozioni. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.