Federico Rutali: faccio l’influencer e metto la mia verginità all’asta

Oggi abbiamo incontrato per voi un influencer provocatorio, audace e ancora vergine: Federico Rutali, 23enne di Bologna!

I suoi ricordi da ragazzino obeso, bullizzato dai compagni, sono ormai dimenticati, ora che fa il sex symbol sui social, il mannequin bolognese ha conquistato le luci della ribalta mediatica, pubblicando i suoi scatti hot che sono rimbalzati dovunque nel web. Fisicità armoniosa, tempra d’acciaio, il brutto anatroccolo è riuscito a scacciare i fantasmi del passato, trasformandosi in un cigno.

Federico Rutali. Foto da Instagram
Federico Rutali. Foto da Instagram

Benvenuto a Federico Rutali su La Gazzetta dello Spettacolo, come mai ha deciso di pubblicare questi scatti di nudo artistico sui suoi profili social?

I miei genitori hanno sempre lavorato tanto e il desiderio di affetto mi ha spinto a sfogare le mie mancanze sul cibo. Pasta, dolciumi, salumi e quant’altro hanno rappresentato per me un porto sicuro, l’unico in grado di farmi stare bene. Ho sofferto di obesità fino ai 16 anni. Quelli dell’adolescenza sono stati gli anni più brutti della mia vita perché non mi piacevo e non piacevo agli altri. Spesso i miei compagni mi deridevano e criticavano aspramente, additandomi come ciccione o bombolone. Questi episodi di bullismo mi hanno fatto chiudere sempre di più in me stesso. Quando, ad un certo punto, sono riuscito a perdere 25 kg in soli 3 mesi, ho pensato di avercela fatta e, invece, guardandomi allo specchio, continuavo a vedermi brutto. Per fortuna, poi, ho trovato la luce alla fine del tunnel e oggi mi amo per ciò che sono e non ho vergogna di mostrarmi in pubblico seminudo. Questi scatti che ho pubblicato rappresentano per me una rivalsa, un modo per urlare al mondo che sono rinato.

Ha provocatoriamente messo all’asta la sua verginità. Ci può spiegare perché?

Quando ero grasso, mi vedevo un mostro e non riuscivo mai ad iniziare una relazione con una persona. Non riuscivo a lasciarmi andare perché l’idea di spogliarmi e avere un rapporto sessuale mi terrorizzava. Non mi piacevo affatto, come sarei potuto piacere a qualcun altro? La mancanza di calore familiare e gli episodi di body shaming che hanno segnato la mia infanzia ed adolescenza hanno aggravato la mia insicurezza. Oggi non ho vergogna ad ammettere che sono ancora vergine. La mia castità non è una scelta legata alla religione o alla morale ma è frutto di un trauma che sto ancora cercando di superare, nonostante ora io abbia imparato ad amare il mio corpo.

Sui suoi profili social condivide costantemente ogni attimo della sua vita. E’ vero che, quando ha pubblicato le foto sexy, l’hanno accusata di prostituzione?

Crescendo, ho acquisito maggiore sicurezza e così, a 18 anni, ho deciso di iscrivermi su Instagram. Sul mio profilo parlo di diversità, lancio i miei messaggi provocatori, cerco di essere d’esempio per tutti quei giovani che oggi sono vittime di episodi di bullismo. Ormai, con il lavoro meticoloso svolto in palestra, ho costruito un corpo definito e non ho più timore di spogliarmi. Così, ho pubblicato alcuni scatti sexy, apparendo finalmente senza veli, dopo anni di discriminazioni a causa del mio peso. Ho deciso di farlo perché non ne potevo più di nascondermi dietro quei maglioni larghi. Ho ricevuto molte critiche ed insulti e mi hanno associato addirittura al mondo della prostituzione. Ma come ho già detto, sono ancora vergine e non ho paura di rivelarlo al mondo intero. Ognuno è libero di innamorarsi di chi vuole. Dobbiamo innamorarci dell’anima di una persona, indipendentemente dal suo sesso e dalla sua fisicità.

Adesso che finalmente ha imparato ad accettare il suo corpo, quali sono i suoi progetti per il futuro?

Attualmente, mi sto occupando di fashion e lifestyle ma ponendo sempre l’attenzione sull’importanza della diversità. Mi piacerebbe continuare sul solco tracciato, affermandomi le mie idee come influencer e partecipando ad un reality per far capire a tutti che nessuno deve mai sentirsi fuori luogo. Ognuno ha i suoi difetti e i suoi punti di forza e bisogna accettarsi per ciò che si è. Ora che mi piaccio molto e che sto ricevendo tanti consensi sui social, ho acquistato grande sicurezza e sono pronto a voltare pagina.

Potrebbe interessarti

I PanPers in una scena di Euphollia. Foto di Nicola

PanPers: arriva il primo Short Horror Film

Oggi vi raccontiamo del nuovo progetto dei PanPers (al secolo Andrea Pisani e Luca Peracino), …

Alex Tonti

Alex Tonti: l’impegno, la migliore lotta alle critiche

Oggi incontriamo Alex Tonti, giovanissimo ma deciso su quello che vuole dal suo quotidiano: vivere …

Polina Ferari. Foto fornita dall'intervistata

Polina Ferari: usate i social per immergervi in quello che amate

Oggi incontriamo Polina Ferari: modella, personal trainer e regista di cortometraggi in passato, da sempre …

Lascia un commento