Presentato “Squadra Mobile”, il nuovo poliziesco made in TaoDue

Daniele Liotti, Valeria Bilello e Giorgio Tirabassi

Potrebbe ricordare un po’ “Distretto di Polizia”, in quanto “Squadra Mobile” nasce dall’idea di voler raccontare la vita quotidiana e a volte impossibile della polizia nella Capitale. Un lavoro che coinvolge h24, che non permette di avere tempo libero per la famiglia, per la vita privata o altro… eppure un lavoro a cui i nostri poliziotti sono devoti e per il quale sono disposti a sacrificare tutto…

“Squadra Mobile” è il nuovo poliziesco targato Taodue, che riprende il personaggio di Roberto Ardenzi, interpretato da Giorgio Tirabassi, ma si rinnova decisamente nel genere.
A caratterizzare le 8 serate della serie sono soprattutto due elementi. Da un lato l’inedita sfida tra il nostro protagonista, Ardenzi, e il suo amico e collega Claudio Sabatini – interpretato da Daniele Liotti – che si rivela molto diverso da come appare. Si tratta di una linea di racconto inedita nella nostra serialità, una linea emozionante  e coinvolgente che riserva molti sconvolgenti colpi di scena. Dall’altro ci sono i casi trattati nelle singole puntate. La loro particolarità è quella di focalizzare l’attenzione più che sulla ricerca dei colpevoli o sulla criminalità organizzata –  argomenti già trattati in molte serie – sulle vittime, su quel lato della cronaca nera meno approfondito.
Alexis Sweet ha dichiarato: “Quando mi hanno offerto di dirigere la prima stagione di “Squadra Mobile”, dopo aver letto i copioni, ho capito subito che avevo tra le mani una grande opportunità, ovvero la possibilità di intraprendere un nuovo cammino rispetto allo stile tradizionale dei polizieschi italiani.
“Squadra Mobile” non è il classico action. La tensione e l’intrigo nascono dai conflitti personali dei protagonisti piuttosto che dai crimini che affrontano. È questa la forza della serie. Il pubblico può instaurare un intimo rapporto con i personaggi, che si mostrano in tutta la loro umanità e fragilità. Inoltre i casi che i poliziotti devono risolvere attingono dalla più recente e drammatica attualità, come la violenza domestica, lo sfruttamento dell’immigrazione, la schiavitù sessuale”.

Potrebbe interessarti

Bruciare calorie con le serie TV

Bruciare calorie con le serie TV Netflix

Appassionati di Serie TV con poca voglia di andare in palestra anche se il fisico …

FeST, Festival delle Serie TV

FeST, il programma del Festival delle Serie TV

Partirà tra una settimana, alla Triennale Milano, la seconda edizione di FeST – Il Festival …

FeST, Festival delle Serie TV

FeST, seconda edizione per il Festival delle Serie TV

Manca poco meno di una settimana alla seconda edizione di FeST – Il Festival delle …

Lascia un commento