Ti taggo o non ti taggo? Al Teatro Testaccio con i Me Gusta

Che cosa succederebbe se le più celebri coppie della storia avessero Facebook a loro disposizione? La Compagnia Me Gusta prova a immaginarlo portando sul palco del Teatro Testaccio di Roma (Via Romolo Gessi, 8) Ti taggo non ti taggo? L’amore ai tempi di Facebook. L’appuntamento con lo spettacolo, interpretato da Maria Elisa Barontini e Gustavo Maccioni, è dal 10 al 19 Aprile (lunedì e martedì riposo).

Un divertente tuffo nel passato per scoprire come il più noto dei social network avrebbe potuto cambiare il destino degli innamorati che ci hanno preceduto. Leopardi avrebbe mai trovato il coraggio di chiedere l’amicizia di Silvia? E Lancillotto e Ginevra sarebbero riusciti a mantenere segrete le loro peccaminose chat?

Facebook diventa il mezzo per superare il tempo e lo spazio, la chiave per provare a immaginare il privato di Leopardi e della sua Silvia, di Napoleone e della sorella Paolina, di Lancillotto e Ginevra, di Antonio e Cleopatra, e, infine, di Adamo ed Eva.

I celebri innamorati, alle prese con i problemi “tecnologici”, mettono alla prova i loro amori davanti allo schermo di un computer. Mostrano così le conseguenze, più o meno buone, di Facebook e di Internet sulla vita di tutti i giorni, permettendoci di esorcizzarle con una risata.
Ti taggo non ti taggo? è in scena dal 10 al 19 Aprile al Teatro Testaccio di Roma.

Autore: Redazione

Redazione Giornalistica

Potrebbe interessarti

Sandra Milo e Claudio Insegno

Sandra Milo: una Diva al Bracco

Essere diva oggi ha ancora un senso? Se parliamo di Sandra Milo sicuramente si e lo facciamo al Teatro Bracco di Napoli.

Quando spunta la luna a Marechiaro

Quando spunta la luna a Marechiaro al Bracco

Al Teatro Bracco diretto da Caterina De Santis è di scena la canzone napoletana in “Quando spunta la luna a Marechiaro”.

Maximilian Nisi

Maximilian Nisi: il presente, quel meraviglioso istante

Maximilian Nisi, in questo periodo alle prese con lo spettacolo teatrale "A spasso con Daisy", insieme a Milena Vukotic.

Lascia un commento