Jack Queralt, da Dalia delle Fate ai progetti internazionali

Attore poliedrico, classe 1979, preparato, con tanti sogni nel cassetto, spagnolo, parliamo ovviamente di Jack Queralt.

Jack Queralt. Foto concessa dall'attore
Jack Queralt. Foto concessa dall’attore.

Da qualche settimana è reduce dal grande successo della fiction “Dalia delle Fate”, trasmessa su La5. Nella serie veste i  panni di  Renato Ginestra, un personaggio prepotente, un poco cattivo che Jack interpreta magistralmente.   Si definisce misterioso, umile e gentile. Ama navigare e scrivere.

Nonostante i suoi numerosi impegni per il film catalano “Capa Negra”  e per la produzione di una fiction internazionale, con “La Gazzetta dello Spettacolo”, siamo riusciti a raggiungerlo telefonicamente. Conosciamo meglio il giovane attore  con questa  chiacchierata.

Grazie mille per questa piacevole  intervista, quando  e soprattutto perché ha deciso di intraprendere questo percorso?

Grazie a voi per l’intervista, sai ho sempre amato sin da piccolo l’interpretazione e il cinema. Nel teatro della mia scuola ero spontaneo, un sognatore che giocava con il destino.  Da piccolo amavo comprare dei film e vederli con mio padre a casa. Oggi ho circa 900 film, ovviamente continuo a comprarne altri (sorride ndr), anche se adesso faccio l’attore (sorride ndr). Tra tutta la mia collezione 52 film sono i miei, tra piccole e grandi parti.

Ricorda il suo primo lavoro nel mondo della televisione?

Si certo che ricordo, era una fiction  e avevo 17 anni, sai ero molto emozionato.

Si descriva con una parola, dai facciamo due.

Misterioso e umile….( riflette)

Nel suo tempo libero?

Sono cintura nera di taekwondo, amo navigare per il mare e scrivere.

Vuole parlarmi del suo ultimo lavoro televisivo?

Come ultimo lavoro in Italia ho preso parte, come personaggio protagonista, alla fiction “Dalia delle Fate”, trasmessa sulla rete La5, per tutto il mese di giugno fino al 10 luglio. Ora sono impegnato con il film catalano “Capa Negra” e con la produzione di una mia fiction internazionale, ma non posso svelare nulla.

Si descriva

Sono un uomo forte, con un cuore sensibile e una mente aperta. Non ho limiti, vivo una vita spirituale  alla ricerca di me stesso. Sono sempre gentile e ovviamente umile.

Grazie mille Jack!

Grazie a voi…a presto.

di copertina concessa da Jack Queralt

Potrebbe interessarti

Ogni giorno come il primo giorno di Giorgia Penzo

Giorgia Penzo, la scrittura salva

Raccontare il dolore, provare a sentirlo attraverso le parole, dargli un corpo, un’essenza e forse …

Luciano Caldore sulla musica napoletana

Luciano Caldore: la canzone napoletana ha fatto scuola a tutti

Abbiamo incontrato Luciano Caldore, artista molto amato a Napoli e non solo, che calca ormai …

Martina Pensa. Foto da Ufficio Stampa.

Martina Pensa, i sogni possono realizzarsi

Oggi abbiamo incontrato Martina Pensa, attrice romana classe 1990 sempre impegnata tra teatro e quest’anno …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.