Caffè letterario di Villa Favorita

941499_174685982699359_1171442931_n

Si inaugura venerdì 4 settembre alle ore 19.00 la mostra Ombre Prosequio di Amedeo Gabucci in arte deò a cura di Giovanni Cardone presso “ Le Scuderie” Caffè Letterario di Villa Favorita Ercolano , con il Patrocinio del Comune di Ercolano in collaborazione con la Universum Academy Switzerland – Regione Campania , e con l’Associazione Culturale Libera/mente. La mostra si potrà visitare fino al 26 settembre 2015.

Come ci dice Giovanni Cardone : “L’arte di Amedeo Gabucci in arte deò è antitesi e sintesi allo stesso tempo, lo scontro tra la luce e l’ombra è senza fine e senza risoluzione. Penombra non datur. Le linee orizzontali e quelle verticali non generano diagonali. Nelle sue opere lo scontro frontale, l’aporia è tra stasi e movimento, tra spazio e tempo. Tra la presenza fisica incombente della figura, del volto, e la sua instabilità, la sua evanescenza, il suo essere transeunte.

Il dissidio insanabile è tra l’essere e il divenire, tra il condensarsi della materia e il suo espandersi, esplodere sino alla dissoluzione. Ma la materia in questione è il colore bianco impresso da un timbro sulla tela, con un gesto apparentemente impersonale. La materia è il nero, l’ombra. Nelle sue opere il conflitto invece è triplice, tra linee orizzontali e linee verticali, tra luce ed ombra, tra gesto e segno, tra le scisse e le ordinate che non si incontrano. Le forze spingono in direzioni ortogonalmente opposte senza incontrarsi, senza fondersi. I gesti orizzontali si sovrappongono o più spesso giustappongono a quelli verticali, generando tensioni.

La luce è il risultato di un gioco dove l’ombra affiora morbida e sfumata, quasi evanescente, oppure incombe a larghe strisce dai contorni indefiniti. L’ombra è un panno morbido che avvolge. La luce è un gesto che rende unica l’opera .L’ombra in deò non è assenza di luce, ma presenza immanente, imprescindibile, incombente. Forse, addirittura, è la luce ad essere assenza di ombra, mancanza, negazione. Non che tutto questo non ci fosse anche prima. Solo che adesso il rigore estremo di queste opere mette a nudo brutalmente gli schemi, e al tempo stesso li rende anche più prepotentemente efficaci. E come possiamo chiamare il conflitto irrisolto tra luce ed ombra, tra essere e divenire, tra gesto e segno, tra orizzontalità e verticalità. A ciascuno poi, se lo vorrà, la possibilità di cogliere i risvolti metaforici di alcuni di questi poli contrapposti: luce ed ombra,gesto e segno, orizzontale e verticale”.

Programma Venerdì Caffè Letterario:

11 Settembre ore 19.00

Dibattito Sull’arte Contemporanea Interverranno :

Amedeo Gabucci in arte deò

Marcello Francolini Critico d’Arte

Modera : Giovanni Cardone Storico e Critico d’Arte

18 Settembre ore 19.00

La Rivoluzione Napoletana del 1799 – Insegnamento e Valori

Interverranno :

Ciro Bonaiuto Sindaco di Ercolano

Raffaele Del Giudice Vice Sindaco di Napoli

Nino Daniele Assessore alla Cultura e al Turismo di Napoli

Antonella Orefice Storica e Direttore del Nuovo Monitore Napoletano

Giovanni Cardone Storico e Critico d’Arte

Salvatore Perillo Giornalista tv city – Comuni Vesuviani News

25 Settembre ore 19.00

Presentazione di uno studio di Emilio Mastriani sulla vita e le opere del romanziere napoletano Francesco Mastriani ( suo avo). Interverranno: Emilio Mastriani Studioso e Filosofo, Gennaro Mantile Presidente dell’Associazione Mondo Scuola, Rosario Mastriani Ricercatore.

Potrebbe interessarti

L'Accusa del Tempo, di Giuliana Donzello

L’Accusa del Tempo, di Giuliana Donzello

Presentata l’ultima fatica letteraria dell’autrice veneta Giuliana Donzello dal titolo L’Accusa del Tempo.

litfiba

I Litfiba in concerto a Villa Favorita, ad Ercolano

Giovedì 6 agosto alle ore 21.00  ad aprire la XXVII Edizione del Festival delle Ville …

Il Caffè letterario all’Arenile

L’Arenile di Bagnoli ha ospitato, un parterre di autori di tutto rispetto, che hanno , così, avuto …