Rum: il distillato più famoso dei Caraibi

Tutti noi conosciamo il rum, e tutti noi sappiamo che è, per antonomasia, la bevanda dei pirati. Nell’immaginario collettivo esistono pochi elementi tanto vicini a quell’epoca storica quanto il rum, un superalcolico che gli appassionati gustano ogni volta che possono, ma che in realtà conosciamo poco.

Perché il rum era la bevanda preferita dai pirati? Perché il distillato in questione costava poco, e perché era molto complesso portare a bordo l’acqua potabile, dato che nelle botti tendevano a formarsi alghe. Inoltre, il rum era perfetto per caricarsi prima degli abbordaggi, perché esaltava il gruppo e forniva energie e positività.

Rum. Foto dal Web

La storia di questo liquore affonda le sue radici ai tempi della scoperta dell’America da parte di Colombo, per via della canna da zucchero che impiegò pochissimo tempo per diffondersi ai Caraibi, diventando la principale fonte di produzione del distillato locale (che poi venne ribattezzato, appunto, rum).

La raffinatezza del rum dei Caraibi

Spesso si guarda al rum come ad un distillato “rozzo” e a buon mercato, ma i tempi dei bucanieri sono molto lontani e di certo oggi non lo si mixa con la polvere da sparo prima di assaltare le navi, come accadeva diversi secoli fa. Tutto il contrario: il rum caraibico è uno dei più raffinati, soprattutto se si parla del Diplomatico. Un eccellente e ricercato prodotto venezuelano che è possibile anche acquistare su Internet, scegliendo tra le etichette di Rum Diplomatico online su Tannico, ad esempio.

Quali sono le principali caratteristiche di questo distillato così elegante e prezioso? Si comincia citando il suo sapore, particolarmente dolce se messo a confronto con altre etichette. Gli aromi riescono poi a donare gusto eccezionale a questa bevanda, in special modo se si fa riferimento alla cannella e alla noce moscata, insieme al miele e alle arance. Inoltre, il Diplomatico ha un aroma molto profondo ma mai eccessivo, quindi riesce ad adattarsi anche ai palati più fini. In secondo luogo, non dimentichiamoci che può contare su una storia affascinante e ricca di aneddoti, e che ad oggi sono pochi i distillati che possono competere con questo, per via della sua fragranza unica nel settore dei rum.

I migliori cocktail a base di rum

Il rum è diventato presto la vera “anima della festa”, dato che ci sono tantissimi cocktail che vengono preparati utilizzando questo distillato. Troviamo ad esempio il Mojito, forse il più famoso in assoluto se si considera l’utilizzo del rum bianco, insieme al Daiquiri, altro grande protagonista dei bar, sempre a base di rum bianco. Per quanto concerne il rum scuro, la lista è molto lunga, e comprende ad esempio il noto Mai Tai, insieme al Planter’s Punch e al famosissimo Grog, realizzato mixando rum, zucchero, cannella e mandarino. Infine, è giusto chiudere citando altri must come il Caipirissima e il Cuba Libre, altrettanto gustosi e saporiti.

Lascia un commento