La settimana della cucina italiana a Monaco

Qualità e tracciabilità, un fil rouge che unisce le cucine di tutte le regioni Italiane, antiche glorie gastronomiche e speranze di nuovi chef, la cucina regionale, invidiata in tutto il mondo, per un evento promosso dall’Ambasciatore d’Italia Cristian Gallo, dal 16 novembre al 2 dicembre va in scena al Cafè de Paris a MonteCarlo con Cena di Gala alla presenza di S.A.S il Principe Alberto di Monaco.

Lo chef Filippo Cogliandro sarà a Monaco

Fra tutte le Regioni lo scenario che desta più curiosità è la Calabria, la regione che sembra aver fatto innamorare all’improvviso tutto il mondo, adesso che il New York Times ha scelto la Calabria come una delle 52 mete da visitare nel mondo nel 2017, adesso che fioccano le classifiche di prestigiose guide transfrontaliere, adesso che le condizioni di sicurezza mondiali fanno amare il made in Italy ci si chiede a cosa si deve questo momento di gloria che ha costretto centinaia di operatori turistici e gastronomici calabresi a fronteggiare le prenotazioni di maggio luglio e agosto e accogliere gli esperti del NYT, i degustatori di Wine Spectator, o i gourmand provenienti da tutto il mondo.

E ambasciatore della sua Regione non può essere che Filippo Cogliandro, uno chef moderno che va alle origini del cibo, evitando tutto quello che è spettacolo, Filippo va all’essenza del prodotto per catturarne l’anima. Nelle sue mani il cibo diventa arte dando le stesse emozioni che può dare un dipinto, una scultura… Un assaggio deve provocare un’emozione unica, una sorta di sindrome di Stendhal. Un lavoro minuzioso e preciso, quello di Cogliandro, che punta quindi a restituire al palato ciò che l’uomo sta completamente dimenticando e perdendo: il sapore delle origini, In sintesi, una cucina di ingredienti naturali, con tecniche che esaltano la materia prima senza snaturarla, vivendo con grande attenzione gli eventi atmosferici, la stagionalità, a quello che la natura regala giornalmente.

Alla perenne ricerca dell’anima più pura del prodotto lo chef Cogliandro fa la magia, quella di farti trovare la Calabria in un piatto, ti fa scoprire il Bergamotto di Reggio Calabria, una nota decisamente accentuata, dove gusto e sapore spaziano senza limiti per una cucina che non si racconta, ma ci si perde nelle sue emozioni come in un viaggio meraviglioso.

Affianca Filippo lo chef Abdou Dibbasey, arrivato su un barcone dopo sei anni ed è per meriti professionali che è il primo Chef calabrese riconosciuto dalla Federazione Italiana Cuochi. La speranza, il coraggio, la determinazione, la testardaggine di rimanere ardentemente attaccati alla propria esistenza, sono valori universali, non hanno colore né nazionalità. Ma purtroppo si trovano sempre più solo fra le parole della gente che dentro al cuore delle persone. Chi le trova e le fa sue, rinasce.

Potrebbe interessarti

Cenando sotto un cielo diverso

Cenando sotto un Cielo diverso 2018

Sociale ed alta cucina si uniscono in Cenando sotto un Cielo diverso, per i bambini …

La principessa di Borbone mangia la genovese. Foto di Paola Tufo

La genovese piace ai Principi di Borbone

Si sono tenuti i festeggiamenti per il ventesimo anniversario di matrimonio dei Principi Carlo e …

Filippo Cogliandro all'Educandato per la Cena della Legalità. Foto di Stefano Mileto

Cena della Legalità a Firenze

Ritorna a Firenze la Cena della Legalità. L’evento si colloca in un più ampio programma …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.