Marketing Conversazionale - Il caso Laila
Marketing Conversazionale - Il caso Laila®

Marketing Conversazionale: l’evoluzione delle relazioni con l’AI

Il nostro mondo è invaso da notifiche e suoni che ci spingono ad aprire una “conversazione”, e per meglio approfondirne il concetto da parte dell’utente e da parte di chi ci invia notifiche, è bene fare un excursus sul Marketing Conversazionale.

Cos’è il Marketing Conversazionale

Si tratta fondamentalmente di un “metodo di conversazione”, che va a sfruttare le piattaforme di messaggistica, per rendere più vicino un utente, con il brand con cui si è deciso di “parlare”. Strumenti innovativi, che però fanno fare un salto indietro nel metodo di comunicare la propria attività, in quanto non viene più messa in risalto la visione del prodotto tipo del brand, oppure l’informazione passiva, ma viene privilegiata la sana comunicazione tra brand e utente, che può essere portata a termine anche senza l’intervento umano, grazie ad esempio alla Tecnologia AI.

Nulla di innaturale insomma, considerando che ormai le conversazioni sulle piattaforme di messaggistica oppure a mezzo social network, sono diventate una base della comunicazione.

Inoltre, in merito all’argomento, la rete è piena di materiali formativi per meglio comprendere in maniera esaustiva di cosa si tratta:

La duplice funzionalità di questo approccio

Un approfondimento da tenere presente è la duplice funzionalità che si può ottenere sfruttando questa tipologia di comunicazione, che oltre a velocizzare le risposte rapide nei confronti degli utenti/clienti interessati ad un determinato argomento (vedi il caso dei chatbot), permette anche di raccogliere dei feedback rapidi indicizzati sulle proprie skills, in maniera rapida e veloce, sia perfezionando per l’utente la customer experience, sia ottimizzando per il brand il rapporto con lo stesso comunicando un nuovo servizio, un nuovo prodotto, oppure un interessante evento che verrà realizzato.

Il caso Laila®

Quello che andiamo ad approfondire oggi è la piattaforma Laila®, che a nostro avviso è oggi la piattaforma di Marketing Conversazionale che basandosi sull’evoluzione delle Intelligenze Artificiali, allontana “l’aspetto robotico” di questa tipologia di Marketing, essendo in grado di interpretare il linguaggio naturale dell’utente che dialoga con lei.

Fondamentalmente l’innovazione sta nel fatto stesso che seppur l’automazione riesca a rendersi conto di determinate parole chiave e rispondere in maniera autonoma ai quesiti standard posti dagli utenti (identificati ad esempio da parole chiave); l’utilizzo dell’Intelligenza Artificiale proposto da Laila®, consente di avere un ulteriore controllo e permette per temi specifici di inoltrare all’esperto di turno (in caso di azienda) il caso, rendendo sempre rapida e valida l’automazione del processo di risposta senza rallentare i processi standard di una semplice Live Chat.

Con questa tipologia di tecnologia proposta, l’obiettivo di rendere la comunicazione “il meno robotica possibile” riesce a trovare nel vantaggio dell’automazione, la qualità del servizio offerto.

Autore: Francesco Russo

Giornalista ed Imprenditore Digitale. CEO dell'agenzia di Digital Marketing FREVARCOM. Direttore responsabile ed editoriale del quotidiano La Gazzetta dello Spettacolo e coordinatore Editoriale di Oggi Quotidiano. Fondatore di magazine come Mangiamm, Vivo di Lusso, I Like Night e Prenotami.

Potrebbe interessarti

Gli alunni dell'Istituto Comprensivo Galluzzo di Firenze per Cinedecameron

Cinedecameron: il cinema per ricordare Boccaccio

Gli alunni dell'Istituto Comprensivo Galluzzo di Firenze grazie a Cinedecameron rivisitano, in un inedito cortometraggio Boccaccio.

Arte e digitale: 4 lavori creativi più richiesti. Foto dal Web

Arte e digitale: 4 lavori creativi più richiesti

La digitalizzazione è un fenomeno che sta coinvolgendo ormai tutte le sfere lavorative: ecco i lavori che uniscono arte e digitale.

Anna Mazzamauro e Paolo Villaggio in una scena di Fantozzi.

Anna Mazzamauro: i miei premi a Paolo Villaggio

Incontriamo Anna Mazzamauro, la nota attrice di teatro e cinema che riceve il Premio Penisola Sorrentina e ci racconta di Paolo Villaggio.

Lascia un commento