Danse sacrée et danse profane: si inaugura la Casa delle Vestali

Da Luglio 2021 sarà possibile visitare la Casa delle Vestali (Atrium Vestae) le sacerdotesse che avevano il compito di custodire il focolare sacro della città e di tutti i riti legati al culto domestico.

La Casa delle Vestali al Foro Romano. Foto del Parco Archeologico del Colosseo
La Casa delle Vestali al Foro Romano. Foto del Parco Archeologico del Colosseo

Nel Parco Archeologico del Colosseo e nel cuore del Foro romano sarà possibile visitare le aree dedicate alle sacerdotesse, rinnovate dopo lunghi studi e restauri. Il recupero dei preziosi reperti furono avviati nel 2013 grazie a Patrizia Fortini e continuati da Irma Della Giovampaola.

Oltre alla presenza di alcuni bellissimi e suggestivi ritratti sarà riposizionata nella collocazione originale anche la statua che alcuni studiosi dicono appartenere, con tutta probabilità, al secondo Re di Roma Numa Pompilio.

“Si tratta del primo passo di un complesso programma di ricerca e di restauro, che, oltre all’apertura al pubblico dell’intera Casa delle Vestali, prevede di ampliare l’offerta culturale con nuovi percorsi e spazi informativi diffusi in tutta l’area del Parco archeologico del Colosseo, per coinvolgere il pubblico in una visita sempre più consapevole alla riscoperta di monumenti straordinari, patrimonio dell’Umanità, inseriti in un contesto naturale di rara suggestione”. Queste le dicharazioni di Alfonsina Russo, Direttore del Parco archeologico del Colosseo.

L’inaugurazione prevede un momento intenso e particolare legato alla danza: Danse sacrée et danse profane, che vedrà in scena le bravissime ballerine: Clarissa Pace, Chiara Pacioni, Irene Catroppa, Marzia Caddia, Chiara De Benedetto e Giulia Olivieri con la coreografia di Alessandra Bianchini e Loretta Gambelli.

La presentazione del nuovo itinerario, alla presenza di Massimo Osanna Direttore Generale Musei, è in programma per le ore 19.30 di lunedì 5 luglio accessibile solo su invito.