Torri in festa. Foto da Facebook
Torri in festa. Foto da Facebook

Torri in Festa, il Maestro del Cinema Nannuzzi per le scenografie luminose

Si apre con le torri aragonesi illuminate da suggestivi giochi di luce ed effetti cinematografici curate dal Maestro Daniele Nannuzzi, la IX edizione di “Torri in Luce, Torri in Festa” la rassegna organizzata sull’isola d’Ischia, come ogni anno dall’architetto Aldo Imer, presidente dell’associazione “L’isola delle Torri”.

Torri in festa. Foto da Facebook
Torri in festa. Foto da Facebook

Dieci giorni di eventi fra architettura, arte, cultura, musica, vino e buon gusto, ai quali partecipano immancabilmente nomi grossi ed importanti di accademici ed esponenti del mondo della cultura, italiana ed estera.

La premiere, sulla terrazza panoramica del Villa Carolina – con vista sul porto turistico di Forio – dominata dalla mole del Torrione Saraceno che il Maestro Nannuzzi ha sapientemente valorizzato in un gioco di luci ed ombre assolutamente non invasivo di quella che è la natura del monumento fortificato, la cui costruzione risale al XIII secolo ad opera degli aragonesi per contrastare le frequenti incursioni via mare da parte dei pirati saraceni. Sotto la regia di Nannuzzi e con il prezioso apporto della storica impresa De Sisti – operante anche a Cinecittà – ed il suo Direttore Marketing, Davide Locatelli, si è potuto realizzare la scenografia in stile cinematografico del Torrione, così come anche della torre gemella del Torone di Forio.

Importante, nell’impresa di realizzare una illuminazione così accattivante, anche l’apporto di Claudio Castana Marchesi, della capitolina Marchesi Grafiche, che vanta una tradizione ed una storia vecchia di 110 anni, con clienti come Enciclopedia Treccani, Banca d’Italia, Bulgari, Versace, Ferrari e Maserati, e che di recente ha diretto il che oggi fa parte della StoraroArt, creata dal 3 volte Premio Oscar, Vittorio Storaro. Nannuzzi infine.

Il Maestro è autore di cinematografia, Presidente degli Autori Italiani di Cinematografia A.I.C. e curatore della fantastica mostra composta da 120 opere liriche e balletti, “Un Cinematographer all’Opera”. Tra le tante, Madame Butterfly, Così fan tutte, Giro di vite di Britten, Anna Karenina, Casanova. All’interno del Torrione invece, la kermesse ospita la mostra delle ceramiche che richiamano i turbanti saraceni a cura del maestro Nello di Leva dello storico laboratorio Keramos di Casamicciola Terme, distrutto dal sisma del 21 agosto 2017 che colpi la cittadina isolana.

Al tramonto, centinaia di alunni della scuola primaria Balsofiore di Forio, sotto la regia del Maestro Di Leva, si esibiscono nella rievocazione storica dello sbarco dei saraceni alla Marina di Forio e nell’incendio del Torrione.

Autore: Anthony Moy

Potrebbe interessarti

La realtà virtuale (VR) al Carcere di Procida per OndeVisioni

OndeVisioni: quando il carcere diventa cinema

Entrare nella cella di un vecchio carcere, a picco sul mare, e immergersi nella vita dei detenuti ad OndeVisioni con la realtà virtuale.

Ulisse di Carmen Castiello. Foto di Giovanni Minervini

Ulisse di Carmen Castiello in scena

Il viaggio dell'iconico Ulisse è lo stesso proposto al pubblico tra i corridoi e le sale del museo sannita Arcos di Benevento.

Gianni Simioli ascolta Andrea Bocellli al Premio San Gennaro 2021

Il Premio San Gennaro diventa itinerante

Torna per una nuova edizione (la decima) il Premio San Gennaro, e lo fa con una importante novità: la kermesse diventa itinerante.

Lascia un commento