Ischia Film Festival 2015: Pasquale Squitieri premio alla carriera

Pasquale Squitieri

E’ lui il premiato all’Ischia Film Festival. Un regista senza padroni, di un cinema ruvido e diretto, incapace di compromessi. Avvocato penalista e poi regista, Pasquale Squitieri non si è fermato mai davanti a nulla. Gli hanno dato del fascista, come fecero con John Milius. Ma i grandi del nostro cinema, l’hanno sempre stimato, personalmente e creativamente.

Dopo Sir Ken Adam, Vittorio Storaro, Krzysztof Zanussi, Giuliano Montaldo, Abel Ferrara, Pupi Avati, Jean Sorel, Abbas Kiarostami e Amos Gitai sarà riconosciuto a Pasquale Squitieri il premio alla carriera della tredicesima edizione dell’Ischia Film Festival.

“Il prefetto di ferro” lo ha portato nella storia, in tutti i sensi. Squitieri, però, è “I guappi” e “Razza selvaggia”, è “Camorra” e “Il pentito”, è “Corleone”. E’ il regista che si “sporca” le mani con il genere quando i suoi amici lo snobbavano, perché il cinema d’autore era uno solo e amava parlarsi addosso.
Se c’è un cinema che racconta il brigantaggio, la ferita più infame della nostra storia (una guerra civile giusta trasformata in banditismo da sterminare), lo dobbiamo a lui. Con “Li chiamarono briganti”, a un passo dal nuovo millennio, lui racconta su quali menzogne poggi il tricolore. E’ un cinema deciso e anche violento, quello di questo grande regista napoletano. Eppure, allo stesso tempo, Squitieri, soprattutto con “Gli invisibili” (forse il suo film più bello e potente), svela una dolcezza, una fragilità, che non gli sospetteresti.
Il premio sarà consegnato al Castello Aragonese d’Ischia dal direttore artistico dell’Ischia Film Festival Michelangelo Messina il prossimo 3 Luglio e per l’occasione saranno proiettati nel corso della serata “Li chiamarono briganti” e il suo ultimo lavoro “L’altro Adamo”.

Potrebbe interessarti

The impossible kid – Agent 007 Filippini

Gli 007 Filippini al cinema

E voi avete mai pensato di vedere degli 007 filippini in azione sul grande schermo? Oggi vi parliamo di Horrible Tapes e Kult Tapes!

Carlotta Antonelli in Takeaway

Takeaway: il film che parla di doping

Arriva il film che parla di doping, dal titolo "Takeaway", scritto e diretto da Renzo Carbonera, con Libero De Rienzo e Carlotta Antonelli.

Gerardo Di Cola - Via col vento

Gerardo Di Cola: “Via col vento”, il doppiaggio di questa grande pellicola

Il professor Gerardo Di Cola  è uno dei più grandi esperti del doppiaggio italiano e ci parla del film “Via col vento”.

Lascia un commento