Contro la mattanza degli agnelli 2019

Il Movimento animalista Napoli in collaborazione con le maggiori Associazioni animaliste campane con volontari di strada, VIP&BAU e la dottoressa Garante dei Diritti degli Animali Stella Cervasio, dopo l’appuntamento dello scorso 16 marzo presso la Stazione Metro Toledo, replica la manifestazione pacifica contro la mattanza degli agnelli il prossimo il 13 Aprile, per protestare e ricordare che l’olocausto degli animali è un avvenimento che appartiene al nostro quotidiano, ma per il quale non prestiamo attenzione, non ci facciamo mai caso…

Protesta contro la mattanza degli agnelli

Eppure l’alimentazione a base di carne è un fatto discusso dalla notte dei tempi, da quando Pitagora professava di non volersi cibare di animali perché ingiusto, immorale e innaturale.

L’agnello sacrificato a Pasqua è, in realtà, Gesù stesso che, conoscendo molto bene gli usi sacrificali del popolo in cui era cresciuto se ne distaccò, affermando che Dio non voleva la morte di indifese creature per realizzare un rapporto di comunione con gli uomini.  

Hanno voci da bambini; voci disperate e terrorizzate. Un lamento di morte devastante, il dolore inascoltato dal mondo che lo vive come normalità, che non si cura e non ha pietà di creature neonate, strappate alla mamma per essere uccise e mangiate. Sembra un racconto dell’orrore, dove gli orchi non sono altro che gli esseri umani, inebetiti da assurde e crudeli “tradizioni” che rimangono radicate nell’ignoranza più assoluta.

Piangono senza tregua gli agnelli sanno che stanno andando a morire, percepiscono l’odore del terrore, della fine della loro brevissima e misera vita. Tutti moriranno senza motivo se non quello del “palato” che non prova pietà per questi piccoli esseri innocenti e puri.

In Italia ogni anno 800mila agnelli di età compresa fra le 4 e le 6 settimane moriranno in nome di una festa… ma dove c’è morte non può esserci gioia è assurdo godere del sangue e del dolore altrui.

Il 13 Aprile presso la Stazione Metro Toledo, dalle 17.00 alle 21.00, si proverà a dar loro voce e far comprendere tutta la crudeltà che si cela dietro un’assurda tradizione, festeggiamo la Pasqua ma nel rispetto della vita di tutti, anche quella degli agnelli.


Potrebbe interessarti

VIPeBAU miauguro che non spari

Capodanno 2020, non si ferma la strage degli animali a causa dei botti

Non sappiamo spiegare e non si può giustificare il motivo di tanta idiozia, ignoranza, vigliaccheria …

Nello e Patrasche. Foto dal Web

Nello e Patrasche il legame indissolubile fra cane e uomo

In Belgio c’è una scultura unica e particolare che sembra fuoriuscire dalla strada, una scultura che l’artista Batist …

Jazz e Hunter. Foto dal Web

Jazz ed Hunter: una “strana” coppia di amici

Un cucciolo di giraffa, la cui altezza è attualmente di circa due metri, ed un …

Lascia un commento