Foto di esempio di una stazione di ricarica tratta da tuttoautoricambi.it
Foto di esempio di una stazione di ricarica tratta da tuttoautoricambi.it

Come ricaricare un veicolo elettrico

Ricaricare un veicolo elettrico non è la stessa cosa che fare riformamento di carburante ad un veicolo diesel o a benzina. I conducenti dei veicoli elettrici, possono metterlo carica in qualunque posto parcheggino e tornando al veicolo, trovarlo con la batteria più carica di quando l’hanno lasciato.

L’ideale è valutare al dove parcheggiare più spesso, sperare che nei dintorni ci siano dei punti di ricarica. Per molte persone questa scelta implica ricaricare il veicolo elettricoa casa, poi a lavoro e poi valutare bene se ci sono altri punti nel tragitto per ricaricarlo.

Ma come si ricarica un veicolo elettrico?

Per caricare un veicolo elettrico, bisognerà collegarlo ad un punto di ricarica. Ci sono quattro punti fondamentali che si possono sfruttare e sono: a casa, a lavoro, nelle aree pubbliche in stazioni pubbliche.

A volte è necessario portare con se il proprio modulo di connessione, che può variare da veicolo a veicolo. La maggior parte dei conducenti di veicoli elettrici, collega il modulo ad un punto di ricarica comodo rispetto a dove si parcheggia.
A volte capita che i conducenti abbiano bisogno di ricaricare velocemente il veicolo utilizzando caricatori più potenti.
A seconda della zona, si può iniziare a caricare fondamentalmente collegandosi ad una colonnina o utilizzando un’applicazione o ancora con una carta di credito o una carta RFID.

Caricare un veicolo elettrico a casa

Se dovessi stare fuori casa per tutto il giorno, puoi caricare il tuo veicolo elettrico a casa collegando ad esempio un caricatore domestico. Questo è normalmente il posto più vantaggioso per caricare, specialmente quando si devono fare tragitti a breve termine.

Il punto di ricarica domestico dedicato, è quello che da la velocità di ricarica più rapida, ordinariamente da qualche parte andiamo nell’ordine di 10 e 30 kilometri di portata per ogni ora di dispositivo collegato. Ci sono poi delle features inerenti al corretto funzionamento del veicolo, ad esempio, supponendo che sia connesso Wi-Fi, si possono controllare delle feature extra come il controllo dello stato di ricarica e gli aggiornamenti della programmazione over-the-air.
La maggior parte dei carica batterie domestici hanno un modulo allegato, che si collega direttamenteal veicolo per iniziare la ricarica.

Caricare un veicolo elettrico al lavoro

È profondamente utile ricaricare al lavoro, poiché, come per la ricarica a casa, il vostro veicolo viene spesso lasciato per un lungo periodo durante il giorno fuori dall’ufficio.
Numerose Aziende, stanno attualmente introducendo stazioni di ricarica per il personale e gli ospiti come un vantaggio, per ragioni di gestione o per lavorare con il passaggio ad un’automobile elettrica.
I caricatori per gli ambienti di lavoro offrono comunemente velocità di ricarica equivalenti a quelle della ricarica domestica e hanno regolarmente attacchi di “tipo 2” molto diffusi,
il che significa che basta collegare il proprio veicolo senza moduli ulteriori.

Ricarica di un veicolo elettrico nelle aree pubbliche

E’ possibile caricare il proprio veicolo quando viene lasciato in aree pubbliche come al centro commerciale, nel centro cittadino, fuori al cinema o nei parchi pubblici e così via.
In genere non è importante caricare completamente la batteria quando si è in giro, ma i rabbocchi incessanti implicano che non siate a corto o che dobbiate stare in attesa, mentre la vostra batteria si rialimenta stando fermi.

Le stazioni di ricarica offrono tipicamente 7kW di ricarica, dando 20-30 kilometri di portata ogni ora in cui è collegato il veicoli elettrici, fino a ricarica batteria completa (BEV).

Un gran numero di queste colonnine, sono offerte gratuitamente da organizzazioni che li usano come una forza motivante per visitare i loro locali.

Autore: Redazione

Redazione Giornalistica

Potrebbe interessarti

Francesca Ghezzani

Fatti e storie da raccontare, torna Francesca Ghezzani

Giunta alla sua quarta edizione, è ripartita la trasmissione "Fatti e storie da raccontare". Ne parliamo con Francesca Ghezzani.

Psicofarmaci e solitudine. Foto dal Web

Psicofarmaci: perché è importante ridurre lo stigma

La salute mentale sta a poco a poco diventando un argomento di cui si parla più apertamente: un focus sulle terapie da seguire.

Casino di Sanremo. Foto di Sailko da Wikipedia - Opera propria

Casino italiani più famosi: i luoghi

La tradizione italiana con i casino è lunga oltre 300 anni. Ecco i luoghi più famosi e storici d'Italia dove nasce questa attrazione.

Lascia un commento