Psychopathic Romantics, ecco The Gathering

Romantici e psicopatici ecco gli Psychopathic Romantics

Parliamo del terzo album della band casertana degli Psychopathic Romantics dal titolo Bread&Circuses, e del singolo estratto, The Gathering.

Psychopathic Romantics. Foto di Eliano Imperato.
Psychopathic Romantics. Foto di Eliano Imperato.

The Gathering parte da un quesito fondamentale: la musica può risvegliare le coscienze? Può rendere consapevoli? Gli Psychopathic Romantics ci sperano ancora e lo raccontano in musica.

Su questo tema, la risposta della band è chiara: “Ci hanno sempre chiesto perché la band si chiamasse così. La curiosità si è spesso focalizzata su quale fosse la natura della nostra componente romantica. Forse dopo anni ne siamo venuti finalmente a capo: la verità è che siamo romantici perché crediamo ancora che la musica possa salvare il mondo“.

La musica unisce, ed è proprio nell’unione che c’è una forza devastante, The Gathering appunto, l’unica che può contrapporsi alle vessazioni dei poteri forti, all’ingiustizia sociale, alle disuguaglianze e alle discriminazioni. Il singolo viene pubblicato a due anni di distanza dall’uscita del disco Bread and Circuses proprio perché rappresenta un testo molto attuale e si fa veicolo di un messaggio forte e impattante.

Il videoclip degli Psychopathic Romantics che accompagna il pezzo, prende vita in un insolito teatrino per burattini e racconta di un Paese qualunque in cui si susseguono solo chiacchiere vuote e tanti “blahblahblah” in grado di tenere a bada un’intera comunità. Poi d’improvviso la musica riesce a far breccia nel pensiero di qualcuno “fuori dal coro” trasmettendogli messaggi in cui si riconosce, fornendogli risposte che cercava. Ce la farà? La chiave di lettura è che “è sempre la stessa storia” (“on and on itgoes…”), tuttavia è necessario invertire la tendenza: sovversivi? No, semplicemente Romantici Psicopatici.

Protagonisti sono uomini comuni interpretati da bizzarre marionette, realizzate con mocio per pavimenti e palline da ping pong. Sullo sfondo si alternano differenti scenografie colorate realizzate su pannelli in legno e cartone.

La regia è di Eliano Imperato, che già ha firmato le copertine degli ultimi due album della band, l’EP senza titolo (autoprodotto, 2014) e Bread and Circuses (FreakhouseRecords, 2015).

Gli Psychopathic Romantics sono:

  • Mario ‘Dust’ La Porta (Voce, Chit. Acustica)
  • Vincenzo Tancredi (Basso, Batteria, Percussioni, Cori)
  • Augusto De Cesare (Chit. Acustica, Bouzouki, Mandolino,Percussioni, Cori)
  • Filippo Santoiemma (Harmonium, Mandolino, Glockenspiel, Kazoo, Percussioni, Cori)

Potrebbe interessarti

Antonello Fassari. Foto da Ufficio Stampa

Antonello Fassari torna con Che amarezza

Una tournée nazionale per Antonello Fassari, che torna in teatro con “Che amarezza”, da lui …

Gigi D'Alessio ospite web da Red Ronnie

Gigi D’Alessio: il nuovo album raccontato a Red Ronnie

Una delle voci di Napoli più popolari d’Italia come Gigi d’Alessio e Red Ronnie, insieme …

Linea d'Ombra Festival

Linea d’Ombra Festival XXIII Edizione

Si svolgerà dall’8 al 15 Dicembre 2018 la XXIII edizione di Linea d’Ombra Festival.  Otto giorni dedicati …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.