Breaking News
Home > Spettacolo Off > Carla Caiazzo una campagna di crowdfounding

Carla Caiazzo una campagna di crowdfounding

A sostegno di Carla Caiazzo

Carla Caiazzo è la donna alla quale l’ex compagno senza il minimo scrupolo ha dato fuoco, nessun tentennamento nemmeno di fronte alla gravidanza arrivata oramai all’ultimo mese. La giovane mamma inseguito alla terribile esperienza ha riportato delle serissime conseguenze, lottando anche tra la vita e la morte e riportando danni molto gravi, tra i quali l’essere rimasta sfigurata, cause per cui ancora oggi è costretta ad affrontare molteplici interventi chirurgici di ricostruzione.

Carla Caiazzo

La storia di Carla è il motivo per cui è stata presentata la nuova campagna di crowdfounding, così Giovedì 16 marzo alle ore 12.00 presso la sala “Santo Della Volpe” del Sindacato Unitario Giornalisti della Campania, si è tenuta la presentazione del nuovo progetto “Mai più violenza: aiutiamo Carla Caiazzo”.

In tutta questa sua battaglia non è riuscita ad ottenere alcun aiuto dallo Stato ed anche per questo il Sindacato dei Giornalisti, insieme con Meridonare, la società prima nel Mezzogiorno che si occupa di crowdfunding sociale, hanno appoggiato la sua richiesta di aiuto. Alla presentazione della campagna “Mai più violenza: aiutiamo Carla Caiazzo”, sono stati presenti il segretario del SUGC, Claudio Silvestri, il presidente di Meridonare Marco Musella, il delegato per le pari opportunità del SUGC Laura Viggiano, mentre Carla Caiazzo è stata presente attraverso un video in cui ringrazia e chiede il sostegno della comunità per affrontare la sua dolorosa ed onerosa degenza affinché possa rimpossessarsi della sua identità perduta.

Durante la conferenza è stato messo a disposizione dei presenti anche il Donamat, strumento innovativo che permette di donare ottenendo istantaneamente una ricevuta che può essere allegata alla dichiarazione dei redditi ai fini della deducibilità fiscale.

Il progetto “Mai più violenza” nasce nella cerchia delle attività della commissione Pari Opportunità del Sindacato unitario giornalisti della Campania, che ha nei suoi scopi quello di promuovere parità dei generi nel lavoro giornalistico, così come è previsto anche nello statuto federale del sindacato.

Durante una manifestazione organizzata a Novembre, per la giornata contro la violenza sulle donne, il SUGC ha raccolto la testimonianza di Carla Caiazzo la quale ricordiamo ha vissuto l’esperienza terribile di essere bruciata dal compagno che senza pietà ha infierito senza tener nemmeno conto che Carla era al nono mese di gravidanza. Fortunatamente il bimbo che aveva in grembo si è salvato e sta in ottima salute, lei pur essendo sopravvissuta porta i segni delle gravissime ustioni che le hanno sfigurato il volto.

Il SUGC con € 4.000 vuole aiutare Carla a sottoporsi ad almeno uno dei numerosi interventi chirurgici di ricostruzione di cui necessita. Chiunque volesse Sostenere il progetto “Mai più violenza” aiuterebbe Carla a riprendersi man mano la sua vita.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi